Titolo

Cos'è un economista

3 commenti (espandi tutti)

Come ho detto non sono un economista per cui mi scuso se la citazione dei 2 titoli “Torniamo ai classici” e “Nuove tecnologie e disoccupazione”, non era sufficiente a disambiguare l'autore. Comunque è il padre, che mi sembra abbia ben poco da spartire coi figli.

Devo dire con un po di malizia che se Labini padre è presente nei cuori degli econimisti, non sembra essere molto presente nella loro mente. Mi rendo conto che non essendo un economista il mio sistema di valori sugli economisti è pesantemente influenzato da fattori personali.Quando un economista scrive in modo comprensibile di fenomeni socioeconomici che un po conosco, anche se da vittima e non da teorico, come l'innovazione tecnologica e l'occupazione, bè questo economista mi piace di più di quelli che parlano del debito pubblico. Lo steso vale, anche se in modo ancora più dilettantesco per "tecniche" come l'analisi input/output a cui forse da ignorante attribuisco un potere di rappresentazione dei flussi reali di risorse che forse non ha.

Però la domanda che faccio resta: non è che interessarsi un po di più dei rapporti tra innovazione, occupazione, sviluppo e usare un po di più tecniche che aiutino a rappresentare flussi e procesi di produzione, di scambio e di consumo, anche se poco alla moda, non sia però più utile per questo disgraziato paese?

lo spirito si SL? :) c'e' pieno di gente che lo fa. non piu' di solito con i/o analysis perche' richiede full complementarity, ma si fa eccome. l'iinovazione c'e' ache in economia e i/o e' stata sostituita da tecniche migliori. poi, come approssimazione nessun problema. qualunque modello di equilibrio con production ha implicita una forma di i/o stilizzata...

i/o

alberto bisin 8/8/2013 - 23:09

ha senso lamentare che l'economia superi le cose di 40 anni fa che a noi son care perche' le abbiamo studiate e capite? da i/o a IS-LM?

per questo ho cercato di spiegare cosa fa un economista... la mia generazione conosce i/o o IS-LM, la nuova meno, perche' e' in qualche modo implicita in quello che fanno. Avete mai provato a dare una macchina da scrivere Olivetti a un 18enne? E' davvero drammatico che non sappia cosa sia, lui che usa un laptop?