Titolo

Cos'è un economista

7 commenti (espandi tutti)

Sinceramente, mi sembra una diatriba alquanto sterile. Senza essere provocatori, cerco di dare la mia opinione. 1) Il titolo di PHD non rende uno specialista del suo settore migliore di uno senza titoli (e Giannino è un esempio lampante: è molto più economista lui di decine di dottorandi o ricercatori). 2) E' sempre un piacere leggere "noisefromamerika", ma mi piacerebbe che post così lunghi siano dedicati alla discussione di idee economiche, e non a diatribe interne al mondo accademico. 3) In conclusione, le definizioni troppo "accademiche" di qualcosa sono stucchevoli e inutili, come lo sono anche le definizioni troppo ampie e approssimative. Qual'è l'utilità di definire Volcker non economista? Nessuna. E poi dobbiamo credere che non ci sono diatribe accademiche tra scuole economiche, quando non siete nemmeno d'accordo sul come definirvi?

sei tu che non sei d'accordo, o iodice, che non e' un economista. No, Giannino partecipa della  materia divina - corpo di cristo - ma non e' un economista, secondo nessuna definizione ragionevole del termine. Mi spiace, queste non sono questioni accademiche. Saranno stucchevoli ma non sono inutili.  Sono il cuore del dibattito economico in italia. Il tuo commento che confonde un ottimo giornalista economico con un economista ne' e' la prova. Tra parentesi Oscar avra' millantato  titoli, ma che io sappia non si e' mai auto-definito "economista". 

Cosi' come non rispondo alle provocazioni di Iodice che non ha di meglio che trovare persone al confine tra due discipline come controesempio (e che non riesce a distinguere tra scelta e vincoli di bilancio), non rispondo nemmeno a chi tira ancora fuori la questione Giannino che meno se ne parla meglio e', specie per Giannino. Davvero, lasciate stare le religioni per favore quando commentate qui. Provateci almeno, vi sentirete piu' liberi. 

Lasciare stare quale religione? Qui vorremmo parlare di economia, e non di chi è economista e perchè. Io ho citato Giannino per dire che data la sua profonda conoscenza dell'economia, è definibile "economista" molto più di tanti dottorandi o ricercatori. Al di là di come si definisca lui. A me che Giannino non abbia titoli non frega proprio nulla; lo sento parlare e dice cose con un fondamento economico. Come d'altronde fai anche te (ti do del tu, non me ne vorrai) Alberto Bisin.
Poi però viene fuori l'indole più accademica e ci perdiamo nel discutere chi e cosa è economista, quindi cerco di fare chiarezza sulla mia opinione (e ripeto senza polemica):

1) il cuore del dibattito accademico italiano è definire chi e come è economista? Il cuore del dibattito dovrebbe essere discutere, valutare, pesare le teorie e i modelli economici per poi valutarne l'applicazione nella realtà.

2) capisco l'attaccamento alla professione, ma come tu consigli di lasciare stare le religioni, io consiglio di lasciare stare i CV delle persone, ma di giudicare ciò che dicono. La Napoleoni può essere giudicata negativamente per le sue idee (che non condivido) ma giudicarla perché si definisce economista abbassa nettamente il livello della discussione.

3) Ripeto senza polemica: mi piacerebbe vedere post così lunghi per analizzare questioni economiche, invece che diatribe interne ad un mondo molto piccolo e circoscritto.

Sinceramente mi sembra completamente fuori luogo commentare con la frase "Qui vorremmo parlare di economia, e non di chi è economista e perchè." un articolo che parla SOLO del fatto che gli economisti sono una categoria di persone ben definita, che ha competenze e un curriculum accademico ben definito, per cui chiunque ha la possibilità di discutere di economia e fare le proprie argomentate osservazioni, ma presentarsi come ECONOMISTI è una volgare forma di millantato credito.
Molti anni fa nei forum di discussione di vario genere chiunque si fosse presentato con un commento del tipo " questo thread discute di questo argomento ma io son qui per parlare di tuttaltro" sarebbe stato cacciato fuori dal moderatore a scarpate nel didietro, esiste ancora la netiquette?

Ripeto

alberto bisin 5/8/2013 - 15:25

No, se vai dal medico vuoi prima sapere se il medico tale e'. Poi puoi benissimo farti curare da uno che non lo e'. Basta che tu lo sappia, senno' e' gravissimo. Fortunatamente noi economisti facciamo meno male dei medici (almeno ogni singolo di noi) ma il fatto che non si distingua chi lo e' e chi non lo e', ammorba il dibattito. Giannino non lo e'. Fai benissimo a farti curare da lui, se credi sia bravo, ma non ossessionarti a chiamarlo medico. Anche perche' se lo fai apri la porta ad altri che non sono bravi come lui, ti cureranno e non ti diranno di essere impostori. 

Ripeto, ma   questa e' l'ultima volta, non sono diatribe interne. Sono questioni di onesta' intellettuali - nei confronti dei lettori. Io lo so che Giannino e la Napoleoni non sono economisti, e ogni economista lo sa. A me non fanno nulla. E' a gente come te (e come quelli che seguono L. Napoleoni) che questo post dovrebbe servire. Pero', ribadisco, tu lo hai letto come una attacco a Giannino (non lo era) che e' il tuo Papa. Con i religiosi non si discute. Linea chiusa. Mi spiace.

Credo tu la faccia troppo facile, purtroppo. Prendi le assurdita' che scrive Barnard sull'Argentina: quando da qualche parte Barnard viene presentato come economista, con un economista (vero) a contrapporre le sue opinioni, chi ascolta e' portato a pensare che si tratti di due esperti della materia con idee diverse e probabilmente scegliera' l'interpretazione che piu' rispecchia le sue preferenze. Questo perche' (a) Barnard puo' dire che l'Argentina e' una storia di successo senza che nessuno della trasmissione gli dica che sta dicendo falsita' e lo inviti a smettere (no fact checking) (b) alcuni argomenti che per me sono banali (come il fatto che non c'e' stato nessun complotto alla base dell'aumento degli spread dei PIIGS nel 2011) non lo sono per l'ascoltatore medio, che avrebbe diritto ad essere messo di fronte ad un'informazione della qualita'. Il riferimento e' sempre la teoria della montagna di merda: le risorse sono scarse, uno non puo' passare tempo a fare fact-checking, specie se nella vita ha altro a cui pensare. Quindi ben venga una migliore informazione su chi sono le persone che partecipano ad un dibattito, certo se so in anticipo che quello che parla di fragole pesce e' un filosofo mentre quello che gli ribatte e' un ricercatore di biologia riusciro' ad utilizzare meglio i miei filtri.