Titolo

Spesa in cibo, reddito e vulnerabilità alimentare

1 commento (espandi tutti)

Premesso che un'economia diversa non la si costruisce a tavolino (ci hanno provato nel 1917 ma si dice non abbia funzionato) il discorso delle fonti energetiche non riguarda tanto il trasporto ma la produzione agricola vera e propria. Trattori, trebbiatrici, pompe idrauliche per l'acqua, tutto consuma energia e senza di essa (senza petrolio) l'effetto piu' probabile è passare da 7 miliardi di abitanti ad uno e mezzo, tanti quanti erano alla fine del 1800. Non so se la potremo chiamare felice ma sempre decrescita sarà. Piuttosto il vero mito è quello delle risorse che non sono inesauribili. Anche se calano (e quindi aumentano di prezzo) impariamo ad usarne meno, ad estrarne di altre con tecniche diverse (fracking) o individuare nuove fonti. Quanto pesa un telvisore oggi rispetto a quelli di 10anni fa? Quanta energia si consuma per costruirlo e per farlo funzionare? Chi negli anni 60 avrebbe previsto, per 20-25 anni dopo, l'espolosione dei personal computer, della rete Internet, della telefonia mobile? Anzi chi si avventava in previsioni diceva (capo IBM) che non vedeva futuro nel PC!
Tutti questi futurologhi che prevedono disastri in realtà non prevedono un bel niente, perché l'innovazione è assolutamente imprevedibile e quindi non possiamo sapere tra 10 o 15 anni quali energie useremo e quali processi produttivi potranno sopperire ai problemi che oggi crediamo di vedere.