Titolo

Spesa in cibo, reddito e vulnerabilità alimentare

1 commento (espandi tutti)

Continuo a non capire.

E' evidente che tra California e Ontario la produzione di fragole è differente: l'una ha molto sole, l'altra no. Peraltro il fattore "moltiplicato5" dell'esempio delle fragole guardacaso è esattamente l'inverso della percentuale di prezzo proviene dalla materia prima indicato nell'articolo per i paesi ricchi:  il 20%.

Quindi, assunti i valori della distribuzione vicini a zero (cioè nell'ipotesi di una catena diretta dal produttore al consumatore), nelle peggiori circostanze il prezzo più o meno equivarrebbe a quello attuale, diminuendo invece in tutti gli stati americani collocati su paralleli inferiori a quelli dell'Ontario, dove c'è più sole e, quindi, con il km zero le fragole costerebbero meno.

Cosa vieta, dunque, di vendere fragole a prezzo molto più basso dell'attuale in California, risalendo i prezzi fino a divenire quelli attuali in Ontario, dove l'infrastruttura  logistica è necessaria (perchè le fragole vengono da lontano), mentre viaggiando verso Sud diventa progressivamente una sovrastruttura inutile?

Questo tenendo conto di quanto dice Pino Vallone, per il quale la convenienza di determinate politiche non va valutata solo in termini immediati (cioè, cosa sarà utile domani), ma anche prospettici, sulla disponibilità di energia per i trasporti.

Ora, se si sostiene che la logistica è uno importante strumento di ammortizzazione della fluttuazione dei prezzi delle materie prime in certe circostanze, la tesi mi sembra centrata.

Se, invece, si sostiene che il km zero è una chimera ed è addirittura pericoloso, non mi sembra che questo sia dimostrato, nè dimostrabile, soprattutto nei paesi poveri, dove quello che importa, ripeto, è il prezzo in termini assoluti delle carote (le fragole non possono permettersele), che devono pagare il minimo possibile perchè non sono in gradi di sfamarsi.

Vaglielo a spiegare a un senegalese senza cibo che le carote costano di più di quanto necessario perchè, se in futuro i prezzi delle materie prime si alzeranno, lui non se ne accorgerà. Certo che non se ne accorgerà: sarà morto di fame prima.