Titolo

Fondazioni bancarie e sistema bancario: riassunto del convegno

3 commenti (espandi tutti)

ha ispirato il saggio di oxford. almeno nella situazione del capitalismo italiano, bancario e non, le cure proposte sono il male che già ci affligge.

siam sistematicamente sottocapitalizzati, per un mucchio di ragioni antiche e moderne. chi ci metterà mai più una lira (concessione al vivace dibattito in corso :-)) nelle nostre imprese se queste dovessero anche accontentare una pletora di stakeholder della più varia origine, anche sedicenti, ma tutti famelici?

il tutto per evitare scalate ostili? e quando mai se ne è vista una che sia una dalle nostre parti? ce ne fossero di opa sulle nostre banche, a suon di bigliettoni!

Senza voler fare alcuna polemica, vorrei farti una domanda:

perché affermi che le banche italiane sono sistematicamente sottocapitalizzate se la capitalizzazione viene misurata con indicatori identici per tutte le banche internazionali, che sembrano dire qualcosa di diverso?

Se è vero ciò che sostieni, cioè che le banche hanno poco capitale, non si dovrebbe dire che non sono adeguati i ratio con cui si calcolano rischi e capitalizzazione e spostare il problema ad un livello almeno europeo piuttosto che a livello di singolo paese?

sono scritti sull'acqua, non c'è accordo su quale debba essere un livello adeguato e basilea 3 fatica cmq a partire, per ovvi motivi congiunturali. ma è in discussione la loro stessa ragion d'essere: quello che è successo dopo basilea due, non avrebbe MAI dovuto succedere. la stessa o anche maggiore incertezza la troviamo nella valutazione delle sofferenze. e le criticità sistemiche, dopo ben due tornate di stress-test, rimangono ancora da chiarire.

 

ma il vero punto debole è il dubbio che la governance irresponsabile comune a tutto il sistema bancario italiano abbia consentito altri "documenti dimenticati in un cassetto".  a tal proposito si può rileggere con amarezza un articolo a caso.

 posso riscrivere la mia affermazione: se succede qualche altro accidente, la capacità di ricapitalizzazione del nostro sistema bancario è esaurita, volendo mantenere gli stessi assetti di potere.