Titolo

I professori perdono il pelo ma non il vizio

1 commento (espandi tutti)

La mia richiesta di chiarimenti deriva dagli stessi dubbi di Gian Luca Clementi.

E' certo che a parità di risultati (assunzione del cugino o della cognata) è meglio il sistema meno costoso (ovvero privo di concorsi), così come è vero che per realizare il salto qualitativo (tanto auspicato su nfa) bisogna contestualmente attribuire le risorse sulla base della qualità, o (anche meglio) lasciare libertà agli atenei nella definizione di prezzi e offerta formativa (con buona pace per la pletora di giovani "fondamentalisti" del diritto allo studio).

Non avevo capito il senso dell'intervento.