Titolo

Sei anni di NFA. Una storia.

5 commenti (espandi tutti)

nFa è più o meno  assente da twitter. vi risparmio la manfrina sull'importanza del mezzo.

mi rendo  conto che stare dietro a twitter seriamente sia una menata... non so, la butto lì: visto che sono invece presenti e attivi diversi lettori affezionati, si potrebbero unire le forze, magari con una ccount nFA_readers da affiancare a quello istituzionale.

 

magari questa è una fesseria, però bisognerebbe trovare il modo di  fare sentire la voce di nFA anche lì, in qualche modo.

Il problema di Twitter è che è facile imbattersi in cattive compagnie...

Bocchino - Tweet

Twitter è fondamentale per riuscire a farsi sentire e conoscere al punto giusto; ovviamente si incappa nei mostri di cui sopra. Non escludo che la cosa possa anche diventare divertente, se si mantiene l'ottica del first best :D

durante la prima giornata della conferenza, abbiamo twittato in 4-5 con la hashtag #nfatv. Niente di eccessivo, un tweet ogni 1-2minuti (non a testa, a testa sara' stato uno ogni 15 minuti si e no). In un paio d'ore siamo entrati in top-10 di trenditalia e verso le 11 di sera, nonostante avessimo smesso da ore, eravamo al #1. Per me e' solo segno che la cosa ha seguito fra chi la segue, ma in generale, e' ancora piuttosto di fringe. 

fino a un certo punto: che entrare in top trend sia piuttosto semplice indica solo che twittare sui trending topic sia un fenomeno di nicchia.

Mi sembra che sia un'attività scarsamente perseguita, ad esempio, da quelli che hanno molto seguito su twitter parlando di economia (e.g. Fabrizio Goria, Mario Seminerio, Chicago Blog...).

Sono convinto che curare un profilo avrebbe un alto potenziale, quantomeno per far crescere ancora il pubblico di nFA. Di dati non ne ho, ma ci sarà un motivo se tutti i blogger con un qualche seguito della terra si curano per bene un profilo twitter, no?

Inoltre, il fatto che entrare in top trend sia relativamente facile dovrebbe essere un ulteriore buon motivo per esserci: su eventi particolari, i giornali fanno ormai regolarmente da cassa di risonanza di quello che succede su twitter.

io  ci penserei.