Titolo

Sei anni di NFA. Una storia.

11 commenti (espandi tutti)

il nome non cambia. Ci siamo affezionati e i marchi si cambiano solo quando il prodotto si deteriora e va cambiato. Infatti i partiti italiani continuano a cambiare nome.

L'ex proprio, proprio stasera, ha annunciato al suo popolo osannante che cambierà nome al Popolo della Libertà: non gli piace (più?) l'acronimo PdL. Ha però anche sfoderato un inno nuovo. Voi l'inno lo avete?  

Inno

michele boldrin 5/3/2012 - 07:12

Se davvero fosse necessario avere un inno (non e' detto che, siccome BS ha un inno demente per ognuno dei suoi mille partiti-azienda, nFA non possa avere il proprio ...) io credo che Guccini vincerebbe ma, personalmente, non voterei per L'avvelenata ma invece, a seconda dello stato d'animo di quel giorno, per una di queste due:

Giorno ottimista 

 

Giorno pessimista 

Non so se possano corrispondere al second best e first best, rispettivamente, di cui Alberto B ed altri discutono piu' sotto. Ma forse si' ... 

Inno

alberto bisin 5/3/2012 - 08:24

Beh, adesso e' davvero impossibile trattenere l'emozione. Michele ha colpito nel segno. Don Chisciotte e Cyrano. Io voto per il doppio inno - mi par geniale l'idea e anche la sostanza - ascoltavo e mi dicevo che Guccini ha rappresentato in entrambi i casi benissimo perche' abbia mo fatto e continuamo a fare nFA. In questo senso anche l'Avvelenata colpisce nel segno. Forse un triplo inno addirittura, si potrebbe fare.

Inno

Corrado Ruggeri 5/3/2012 - 10:07

La bellissima "Cyrano" l'avevo già collegata a nfA (in seguito ad un post di Sandro). Tuttavia c'è il passo:  "coraggio liberisti buttate giù le carte, tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese in questo benedetto, assurdo bel paese" che  dal mio punto di vista si adatta benissimo ai liberalidelcazzo, ma mi fa pensare che Guccini non sarebbe così contento di farcela usare.

PS

L'inno per il giorno pessimista non ce l'ha nemmeno il Portogallo! Gli inni son tutti per giorni ottimisti!

inno

marcio 5/3/2012 - 10:36

a me piace leggere don chisciotte come un dialogo tra il first best ed il second best...

questo, che pure ha un suo perche'. Magari non come inno (Guccini smuove il cuore come un inno dovrebbe), ma come pezzo presente nella discoteka.

Non so come fu possibile (sara' che sono un ottimista?) ma mi dimenticai quasi del tutto del Don Chisciotte di Guccini. Lo risento oggi dopo anni, eppure le parole son tutte qui. Forse solo a questo servono le canzoni importanti. Bello. E io sono il perfetto Sancho Panza (up to the panza :-)). It's great to be on board.

:-)

orsola alfano 6/3/2012 - 02:50

Per Michele: sì ... è perfetto ...