Titolo

Quando e come si visita noisefromamerika

6 commenti (espandi tutti)

A questo punto, perchè non prevedere una sezione che contenga una sorta di "best of" o "nFA Hall of Fame"

 

Concordo. Il modo migliore per aumentare la voce di nfA è quello di rendere facilmente accessibili le sue idee di fondo.

E' ovvio che il successo di una idea o di un programma venga deciso dall'esposizione mediatica che viene loro concesso da tv e giornali "mainstream". Per sbarcare sui media, nfA deve prima convincere del proprio valore il giornalista che per curiosità apra il sito. Se dovrà navigare tra 1.500 articoli, si spazientirà e vi rifilerà sotto qualche etichetta banale. Se invece vedrà un elenco sistematico e ordinato di idee di facile consultazione, non potrà che rimanerne colpito e decidere di parlar di voi. D'altronde i giornalisti sono di bocca buona e non ci mettono molto a creare un nuovo guru: Vendola ha ottenuto un'esposizione mostruosa con quattro cazzate sulla "narrazione" e la "poesia"!

nfA è un mezzo di divulgazione straordinario e non ha pari quanto a qualità di contenuti. Credo che abbia un potenziale di crescita gigantesco e che il botto potrebbe arrivare da un momento all'altro. Infatti quando sua Emittenza lascerà il suo ingombrante posto sulla scena, ci sarà molta confusione sul da farsi e si apriranno nuovi spazi per idee e proposte.

A volte leggo commenti poco fiduciosi da parte dei redattori. E' comprensibile: dopo 5 anni di attività, da una parte il sito si riempe di commentatori inutili e boriosi, dall'altra il dibattito politico sembra sempre più impermeabile a ragionevolezza e serietà. Però dovete solo avere pazienza. I vosti lettori stanno diffondendo il sito, lentamente ma inesorabilemente. E dato che Facebook ha reso possibile le rivolte arabe, volete che non riesca a attirare l'attenzione di un Travaglio o di una Gruber?

---

ps. Ecco quali articoli dovrebbero avere maggior esposizione secondo me:

-Sulla crisi dei debiti sovrani europei (1; 2; 3; 4)

-Sulla Crisi dei mutui subprime del 2008 (1; 2; 3; 4)

-Sulla tassa sulle transazioni finanziarie (1)

-Su destra/sinistra e le diverse nozioni di uguaglianza (1; 2)

-Sul mercato del lavoro (1; 2)

-Sul federalismo fiscale (1; 2; 3)

-Sull'evasione fiscale al Nord e al Sud (1; 2)

-Sulla riforma sanitaria di Obama (1; 2)

-Sull'università (1; 2; 3)

-Sulle liberalizzazioni da fare (1)

-Sulla Lega Nord (1)

-Sul Pd (1)

-Sulla questione palestinese (1)

-Sulle strampalate idee di Ratzinger (1)

 

...volete che non riesca a attirare l'attenzione di un Travaglio o di una Gruber?

Credi veramente che la loro attenzione abbia bisogno di essere attirata? Che abbiano bisogno di "scoprire" nfA?

Sanno già benissimo di che si tratta (es: Boldrin e Bisin scrivono su "Il Fatto" fondato da Travaglio) semplicemente non interessa. "Non interessa" perchè non porta avanti le idee che interessa loro diffondere.

Un conto è sapere che nfA esiste, un altro è convincersi che ci sia qualcosa di buono in pentola....
A parer mio i giornalisti non sono così schizzinosi e devono ancora inquadrare nfA.

D'altronde quando Futuro e Libertà si staccò dal Pdl, Travaglio disse che un movimento di destra e antiberlusconiano (sic) era una novità assoluta! E per tutta l'estate scorsa ci siamo sorbiti le dichiarazioni di Bocchino...

Quindi sono ottimista.

Time will tell.

troppo ottimista! Per me li hanno inquadrati benissimo.

Non saprei dire se la Gruber ci legge, ma nella Redazone del FQ conoscono molto bene NfA, ne hanno un'ottima opinione e alcuni articoli vengono anche pubblicati sul Fatto on line. Sono ancora troppo pochi, ma non per cattiva volonta' del FQ, piuttosto perche' non viene utilizzato appieno quel canale (che adesso utilizza anche LaVoce). 

Mi sono attivato io stesso per fa ottenere a NfA il codice di accesso alla piattaforma blog del FQ, quindi il mio invito e' ad utilizzarla piu' spesso. 

 

 

Se posso permettermi, suggerirei di introdurre una sezione FAQ, in buona evidenza su una colonna laterale. Un buon modello da copiare potrebbe essere quello di questo sito. Su SkepticalScience questo modello è portato alle estreme conseguenze: abbiamo dei bottoni che permettono di rileggersi degli articoli tematici, e una bella lista numerata con tutti i miti pseudoscientifici smontati uno per uno.