Titolo

Uno, nessuno, centomila nFA

1 commento (espandi tutti)

1. Il tasto "like" ai commenti mi sembra assolutamente da inserire: se un commentatore ha già espresso una opinione condivisibile mi fa piacere far sapere che approvo quel commento, e non un altro, specialmente se in quel commento ci sono tesi che ritengo da difendere. Può essere espresso in voto, in % di soddisfazione, a colori, nel linguaggio dei sordomuti, ma il momento docimologico (tiè, pari e patta con apotropeico. Il prossimo che usa termini astrusi sarà obbligato a sentirsi tutti i discorsi di Cicchitto, Gasparri e Capezzone. Ma proprio tutti.) è necessario.

2. Il linguaggio mi sembra normale, non credo si sia perso lo stile nFA, il mio peggiora solo nelle vicinanze del derby Milan-Inter, ma ritorna normale subito dopo, nè lo cambierei.

3. Bacino da allargare ? Le donne ci diranno di no, che il bacino non va allargato assolutamente, ma si riferiscono a un altro bacino (N.B: commento maschilista, cretino e da bar, ma mi è venuto e lo lascio. Signore scusatemi, e per farlo vi cito Charlotte Witton: "Le donne devono fare qualunque cosa due volte meglio degli uomini, per essere giudicate brave la metà. Per fortuna non è difficile."). Veniamo all'utenza da allargare: senza la TV non si va molto lontano, non so precisamente quanti "nuovi" lettori arrivino tramite "ilfattoquotidiano.it", ma leggendo i commenti ai post di nFA non credo molti, mentre molti sono arrivati per il tramite di Ballarò. Ma se non ti invitano (in TV) non è che ti puoi dare da fare molto, e gli impegni dei redattori sono quello che sono. Forse con la Fondazione le cose potrebbero cambiare, ne avevamo parlato informalmente a Siena (peggio per chi non c'era), con l'idea che una persona full time poteva fare anche da rapporto-stampa, a meno che non ci sia qualche studente di buona volontà che lo voglia fare. Gratis. L'idea era che ogni nuovo post fosse inoltrato anche alle redazioni TV e dei giornali, creando, o cercando di creare un feedback, e, possibilmente, di essere ospitati per esprimere la propria opinione. (Questa è una mia idea, che non riflette quella dei Redattori).