Titolo

Uno, nessuno, centomila nFA

2 commenti (espandi tutti)

Per quanto riguarda la riflessione di Boldrin

"Con questa Italia ho l'impressione di star girando a vuoto. Occorre fare quindi, io credo, una riflessione seria su come riuscire ad influire davvero sul dibattito pubblico in Italia. Oppure lasciar stare. Non sapendo come fare, mi prendo (appunto) una pausa di riflessione. Vedremo a cosa porterà."

posso solo dire che dal mio punto di vista le analisi del blog sono veramente istruttive, ma le soluzioni proposte sono un pò troppo fuori dal mondo Italico e quindi troppo accademiche e di difficilissima/impossibile applicazione nella nostra giungla di piccoli e grandi privilegi/rendite.

Servono più delle strategie  un più operative che possono iniziare a rendere il contesto più idoneo a certe soluzioni , ovvero, soluzioni con eccessive semplificazioni, liberismo spinto o che si appoggiano su contesti di pura meritocrazia  sono troppo "fuori".

Economia e tecnologia, eeeh si,  qui non ci siamo, sarebbe bello ottenere  efficienza con l'ausilio della tecnologia ICT, il punto e che  l'Infomation Technology  è allo stato brado ed troppo sconosciuta agli economisti e  l'evangelizzazione di massa sposta  troppo il baricentro verso la Communication Technology.

Per i commenti Disqus va più che bene e altre  features per ranking dei commenti non mi sembrano appropriate, al massimo se si perde troppo tempo nel rispondere ai commenti censurate, bannate o non rispondete basta spiegare nelle FAQ e nelle Regole come funziona la baracca, es.: se sta sulle palle che i commentatori usino alias senza esporre il proprio nome e cognome  CHE VENGA SCRITTO ESPLICITAMENTE e che venga risaputo pubblicamente come sarà considerato/(mal)trattato :)

Adesso non mi viene in mente altro

Buon lavoro a tutti

Prima di tutto mi unisco all'appello per non cambiare linguaggio, ne abbiamo già abbastanza di gente che dice senza dire per non sembrare grossolana.

le soluzioni proposte sono un pò troppo fuori dal mondo Italico e quindi troppo accademiche e di difficilissima/impossibile applicazione nella nostra giungla di piccoli e grandi privilegi/rendite.

E' una scelta precisa: qui ci si occupa di capire come far funzionare le cose, far compromessi per farle digerire il pubblico è affare da politici, non da economisti.

Economia e tecnologia, eeeh si,  qui non ci siamo, sarebbe bello ottenere  efficienza con l'ausilio della tecnologia ICT, il punto e che  l'Infomation Technology  è allo stato brado ed troppo sconosciuta agli economisti

Se non la conoscono perchè dovrebbero parlarne? Io me ne intendo un po', ma discutere di come applicarla alla PA ecc va ben oltre le mie competenze.

Non credo avremmo problemi a pubblicare articoli in merito, purchè ben scritti, firmati e comprensibili per i non addetti ai lavori.

se sta sulle palle che i commentatori usino alias senza esporre il proprio nome e cognome  CHE VENGA SCRITTO ESPLICITAMENTE e che venga risaputo pubblicamente come sarà considerato/(mal)trattato :)

Ero convinto fosse scritto nella presentazione, ma è solo accennato. Comunque,errori a parte, gli anonimi vengono maltrattati solo se le sparano troppo grosse e in modo troppo consistente.