Titolo

A volte una pausa fa bene

1 commento (espandi tutti)

 

 

Non che io voglia o mi faccia illusioni di riuscire a convincerti di desistere. Diciamo che vorrei darti qualche spunto per accorciare la pausa :-)

Sul primo problema da te segnalato, ovvero la tua stanchezza, devo dire che la cosa non mi stupisce. Sei quello che piú discuteva con i lettori ed, evidentemente, si leggeva ogni commento. Una bella rottura di zebedei...

Hai fatto bene o male? Secondo me hai fatto male, perché hai perso un sacco di tempo anche a correre dietro ad anonimi idioti. Dovevi lasciarli correre liberamente nelle vaste praterie che si annidano nel vuoto cosmico del loro cervello.

Il problema da te segnalato c´è in generale e sappiamo che intendete mettervi mano. Se non sbaglio era questo uno degli scopi della fondazione.

Ecco, qual´é la situazione della fondazione? Su questo credo, senza che voglia assolutamente criticare nessuno, dobbiate darvi finalmente una mossa e decidere cosa volete fare da grandi.

Ma vi possono essere anche altre soluzioni al problema da te posto, quale quella - giá suggerita il settembre scorso ai collaboratori - di occuparsi della gestione dei commenti ai propri articoli, cosa perfettamente logica, visto che, suppongo, ognuno  di noi li legge tutti. Questo sgraverebbe notevolmente i redattori. Viceversa, personalmente, tendo a non leggere i commenti agli altri articoli, se non con eccezioni. Mi interessa il contenuto dell´articolo in sé, per quanto mi riguarda fattore principale di attrattiva del blog, ma mi rendo conto che sia una questione di gusti.

Sulla seconda questione, permettimi di dissentire. Non credo che la tua, cosí come quella degli altri redattori, sia stata un´attivitá inutile. Il successo e la crescita del blog ne è la prima dimostrazione. Oltretutto, osserviamo come, sempre piú, internet si sta rivelando la principale fonte di informazione, basta pensare al ruolo di passaparola dell´ultimo referendum. Eppoi, posso dirla una cosa? Quanti di noi sono partiti da posizioni ideologiche di sinistra della propria gioventú per poi approdare, con il tempo, magari anche leggendo nfa, ad altre conclusioni? Vuoi lasciare il campo a Vendola e Ferrero? Dai Michele, non è da te.

I giovani che sono il futuro del paese acquisiscono le loro informazioni su internet ed il campo di battaglia va presidiato con tanto di elmetto in testa.

Ergo, quest´estate scala qualche cima dolomitica, libera il cervello e torna in trincea.