Titolo

L'unità e la dis-unità d'Italia. Dialogo. (I)

1 commento (espandi tutti)

Allen, nei forum, come nei films, occorre che qualcuno faccia la bad cop perché un altro faccia la good cop ... è una questione di vantaggi comparati e di divisione del lavoro, credimi.

Ma il punto non è questo: dovresti leggere con maggiore attenzione alcuni commenti (ho ben detto che non parlo per tutti ...) e vedrai che la tendenza ad ideologizzare e mandare "in vacca" il dibattito con idee preconcette serpeggia e cerca spazio. Non v'è alcuna invettiva, tanto che non ho proprio menzionato nessuno né ho messo il mio commento in replica ad alcuno. Ho solo preavvisato che, personalmente, ignorerò tali commenti o, al massimo, li sbeffeggerò.  Ripeto: non è vero che occorre prendere tutte le affermazioni seriamente. Quelle campate in aria e prive di supporto vanno gettate nella pattumiera, senza pietà. Cheap bullshit is destroying the little that hard scientific work has been able to build. Ogni tanto è bene rifiutarsi di ascoltarlo perché produce (quello sì) solo sgradevole e socialmente dannoso rumore.

E non è proprio una questione di poveri o ricchi mortali. È questione di professionalità e rispetto per gli altri: quando non si sanno le cose si possono imparare, quando le proprie idee preconcette vengono contraddette dai fatti le si può abbandonare in cambio di idee meno sbagliate. Rispetto significa anche non dibattere a vanvera argomenti solidi e sudati. Sostenere tesi platealmente infondate senza neanche provare a documentarle è maleducazione della peggiore, a casa mia. La maleducazione, spesso, non sta nei toni ma nei contenuti. Altro vizietto italico: confondere la sostanza con la forma.

Funziona così fra chi prende la ricerca scientifica seriamente e non per far punti VDB nell'eterno campionato della baruffa ideologica politica. Gli esami, graziaddio, non finiscono mai. Per nessuno. È il bello della ricerca.