Titolo

Alcune prime osservazioni sui risultati dei test PISA 2009

6 commenti (espandi tutti)

il corriere che cita un'inchiesta di panorama è una fonte credibile?

Fonte più accurata,

http://blog.panorama.it/italia/2008/01/03/scuola-litalia-bocciata-in-scienze-a-partire-dai-professori/ , scrive:

Un esempio? Alla domanda sul ”perché‚ la fermentazione fa lievitare la pasta” ha saputo rispondere soltanto il 36 per cento dei professori di scienze intervistati.

Qui (http://www.uaar.it/news/2008/01/04/scuola-italiana-bocciati-scienze-anche-prof/)

Scrive un commentatore:

  1. Elio scrive:
    5 gennaio 2008 alle 11:32

    Premetto che non ho letto il servizio completo su Panorama, ma ho visto solo la notizia su Studio Aperto.

    Sul tt (tele-tabloid) di Italia 1 sbeffeggiavano i professori, riportando, come scritto sopra, che pochi hanno saputo rispondere come avviene la fermentazione. Per il “giornalista”, con tono sarcastico, la fermentazione avviene “per la produzione di CO2″ (vero) “e non, come affermano i professori, per la presenza di FANTOMATICI funghi unicellulari”. A essere semeiologi, avviene per la produzione di CO2, ma così, dal nulla? I fantomatici funghi unicellulari sono i LIEVITI, che respirando producono la CO2. Quindi di fatto corretta. Io ci andrei un po’ piano…

Stante la persistente cialtroneria e scarsa rigoriosità del giornalista italiano medio (di Panorama durante un governo di centrosinistra, poi!), ho un dubbio piuttosto forte sul metodo utilizzato dal giornalista per "ripetere" il test PISA, sono quasi certo che per non perdere tempo il giornalista di panorama ha fatto domande orali a risposta aperta (e non il test PISA che prevede domande scritte a crocette a risposta multipla) e poi ha controllato se le risposte assomigliavano a quelle del test PISA.

Bisognerebbe però leggere l'articolo originale, per fugare ogni dubbio, ma non riesco a trovarlo. Gli archivi di panorama arrivano fino a marzo 2007...

 

 

 

Ah ah questa dei lieviti è impagabile!

Povero giornalista, "fantomatici funghi"... io non mi farei vedere in giro per un mese dalla vergogna.

il corriere che cita un'inchiesta di panorama è una fonte credibile?

Era stata chiesta "qualche fonte". Non una "credibile". Comunque, fonte a parte, come siano messi i docenti italiani alle medie lo sappiamo. Sono passati quasi 40 anni ma ricordo ancora una prof di scienze che mi corresse "grigio" in "griggio" in un compito di scienze. Al liceo. :-(

Francesco 

Era stata chiesta "qualche fonte". Non una "credibile".

non ci crederà ma mi aspettavo una Sua risposta del genere. ma leggendo con attenzione il sig. guglielmo Le ha chiesto:

Mi sembra poco credibile. Hai una fonte?

nella frase immediatamente percedente alla interrogativa, il sig. guglielmo ha espresso delle perplessità proprio a riguardo della credibilità delle Sue affermazioni: risulta chiaro quindi che quando chiede "una fonte", la richieda che sia anche "credibile".

Lei ha appena effettuato un test PISA di comprensione del testo. ;)

 

Comunque, fonte a parte, come siano messi i docenti italiani alle medie lo sappiamo

sinceramente, io, non lo so. ho sempre avuto ottimi insegnanti di scienze naturali alle scuole medie inferiori e superiori, e maledetti loro, mi hanno pure fatto appassionare a queste materie...

ciò che so, e che do per certo, è la scarsissima rigorosità e professionalità di molti giornalisti italiani, a confronto non solo alla rigorosità richiesta in Italia a qualunque altra professione, ma anche a quella rispettata dai giornalisti stranieri (e da pochi altri giornalisti italiani).

i test PISA sono fatti da team specializzati dell'OSCE, vengono standardizzati per poter essere effettuati in decine di paesi diversi con diverse lingue e quindi somministrati nei territori dei vari stati in modo tale che abbiano significatività statistica (coprendo città e campagna, nord, sud, est e nord, quarteiri più ricchi e più poveri, ecc. -ad eccezione della Cina...).

in italia, poi, arriva un giornalista, fa domande a caso senza neanche capirle e dice: "ha, ha, non è colpa degli studenti se sono ignoranti, è colpa degli insegnanti..." basando l'efficacia del suo messaggio sul fatto che gli italiani pensano:

Comunque, fonte a parte, come siano messi i docenti italiani alle medie lo sappiamo

basandosi su aneddoti personali vecchi di decenni senza significato statistico o scientifico:

Sono passati quasi 40 anni ma ricordo ancora una prof di scienze che mi corresse "grigio" in "griggio" in un compito di scienze.

e poi, ovviamente, scaricando le responsabilità su di un governo che ha diverso colore politico da quello del parlamentare, datore di lavoro del giornalista stesso.

Fortunato tu, io ero in periferia e 40 anni fa la realtà era diversa. Trovare un prof che fosse bravo e riuscisse ad appassionare sulla materia era un terno al lotto. Ora non so. 

E non so cosa c'entrino le mie critiche con le responsabilità di un particolare governo oggi. 

Credo che le responsabilità siano comuni e decennali. 

nella frase immediatamente percedente alla interrogativa, il sig. guglielmo ha espresso delle perplessità proprio a riguardo della credibilità delle Sue affermazioni: risulta chiaro quindi che quando chiede "una fonte", la richieda che sia anche "credibile".

Non è assolutamente chiaro. la fonte è una fonte. Poi se uno non reputa credibile una particolare fonte è pienamente legittimo ma sono fatti suoi. Se il sig guglielmo avesse reputato credibile panorama, per lui il caso era chiuso. Ma ci sono milioni di lettori e qualcuno sicuramente reputerà non credibile panorama, o l'unità, o repubblica, o il sole24ore. Mi è stata chiesta una fonte ed io l'ho fatto, andando a rivangare un po' di mail nel mio eurora e post in vari forum. Se poi, malgrado il fatto che panorama anche a me possa sembrare in generale poco credibile, la notizia quadra con i miei ricordi per me quella particolare notizia diventa credibile. Questo è il mio modo di interpretare la lettura del testo e della realtà. 

Francesco 

 

E non so cosa c'entrino le mie critiche con le responsabilità di un particolare governo oggi.

Mi scusi. Non era un'invettiva contro di Lei. Ci mancherebbe. Era contro (alcuni) giornalisti che scimmiottando le ricerche PISA rovinano nei fatti il lavoro di chi, con alta professionalità, crea, fa eseguire ed analizza questi test.

Ho solo evidenziato, utilizzando le sue parole, come questi riescano nel loro intento.