Titolo

Testimonianza "idraulica" sull'alluvione a Vicenza

3 commenti (espandi tutti)

Innanzi tutto auguri per la tua casa. Però mi spieghi questa tua affermazione:

pur criticando il sud mandiamo i nostri alpini di qua e di là

Cosa significa esattamente? Io ero convito che gli Alpini fossero un corpo dell'Esercito Italiano e non di una particolare regione, ed in pi ad essere pignoli di solito quando ascolto notizie come questa:

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/201010articoli/59250girata.asp

mi sembra di capire che gli Alpini provengano da tutta Italia non solo dal Veneto, anzi mi sembra ci sia una certa maggioranza di provenienze da regioni a sud del Garigliano.

Per cui spero che quel "nostri" sia riferito a noi Italiani, giusto?

Ciao.

No, non volevo innescare questioni territoriali o "militari" e mi pare di aver premesso chiaramente che a me non piace parlare di nord e sud...

Intendevo proprio parlare di veneti e per essere sbrigativo e sintetico ho scelto l'esempio (forse non del tutto azzeccato) degli Alpini: attualmente, con l'esercito volontario c'è, forse, come dici tu, una predominanza di Alpini dal sud-Italia, ma storicamente, e so di non sbagliare, la componente veneta e lombarda ha i numeri maggiori di Alpini in congedo. Quindi volevo semplicemente dire che, pur cadendo anche molti di noi veneti negli sfoghi di rabbia che sconfinano nel razzismo nord-sud, altrettanti di noi sono pronti ad intervenire (con gli Alpini o altri volontari) in caso di necessità in tutta Italia. Allo stesso modo ho prova che lo stesso vale per i meridionali e segno tangibile, come ho scritto, mi viene dagli amici che risiedono qui e con noi hanno condiviso dolore, rabbia, lavoro e sudore.

Che gli Alpini siano italiani e non veneti, personalmente, non ho alcun dubbio, nè che rimanga valido il detto: militari un anno, Alpini per sempre!

penso, ma non vorrei sbagliarmi, che il sig. siro si riferisca non agli Alpini (corpo combattente dell'esercito), ma agli Alpini in congedo facenti parte della protezione civile dell'associazione nazionale alpini.

http://www.ana.it/index.php?module=ContentExpress&func=display&ceid=2

mentre per quanto riguarda i militari in servizio attivo, è assai probabile che la maggior parte del personale sia di origine meridionale (come per tutte le specialità dell'esercito), così non è per l'associazione nazionale alpini, poiché nel periodo in cui vi era l'esercito di leva, gli alpini venivano reclutati preferienzialmente tra la popolazione alpina (perché conoscevano già il territorio, sapevano sciare e camminare in salita, ecc. = risparmio nell'addestramento).

nel link che ho citato vi è la seguente tabella riguardante gli aderenti ai gruppi di protezione civile dell'associazione nazionale alpini:

Liguria, Piemonte, Valle d'Aosta: 2082 volontari
Lombardia, Emilia e Romagna: 5083 volontari
Venezie: 5549 volontari
Centro Sud (resto d'Italia): 1437 volontari
TOTALE: 14151 volontari

la preponderanza delle regioni del nord italia è eviedente.