Titolo

Piove sul bagnato...

1 commento (espandi tutti)

 

Sarabbe invece il caso di considerare il fatto che lasciare la tutela e la certezza dei diritti a semplici autocertificazioni di parte, rinunciando ad un sistema efficiente di autonoma e neutrale certificazione, porta prima o poi ad abusi

caso personale: io non sono esperto in compravendite immobiliari e legislazione edilizia: ho comprato una casa, il notaio si è limitato ad accettare le dichiarazioni della parte venditrice (quindi di fatto una autenticazione di una autocertificazione che come atto notorio in circoscrizione sarebbe costata ordini di grandezza in meno) a inserire nel rogito le solite ammonizioni su dichiarazioni false e reticenti...e quando sono andato in municipio per la DIA per i lavori di ristrutturazione esce fuori un balcone chiuso abusivamente con una veranda e non condonato, non si trova la licenza edilizia (Roma, San Giovanni, case costruite da un ente parastatale negli anni '40, non una casetta costruita da chissachì somewhere out in the end of nowhere), tre mesi di ritardo nei lavori. 

Mentre mi hanno detto che altri notai su queste cose fanno interrogatori di terzo grado che manco der Hauptmann della Stasi nelle Vite degli altri... sembra che si può fare robo-signing anche col notariato latino