Titolo

Un'occasione perduta

3 commenti (espandi tutti)

Pisa e' piu' o meno in regola, come Udine. A Pisa hanno mandato in pensione i ricercatori con oltre 40 anni di servizio. La legge non si applica ad ordinari ed associati

Strutturati pisani concordano nell'affermare che il loro ateneo è finanziariamente disastrato. Francamente non conosco i bilanci ( e nemmeno li so leggere) pisani, ma tendo a fidarmi se non di quello che dicono i giornali, almeno degli interni. Altrove (Perugia) sono riusciti nei prepensionamenti (anche ordinari), fortemente incentivando gli interessati. Cosa che a Siena (ateneo che citavo) è lungi dall'essere praticabile.

E' una legge dello stato. Mi sembra difficile che il TAR approvi il ricorso. Poi tutto puo' succedere

Eppure è successo, come scrive qualcuno in uno dei primi commenti al post.

Qui ci vorrebbe un giurista esperto di amministrativo, ma credo che tutti i casi di prepensionamento siano stati fatti previo incentivo, altrimenti non puoi obbligare nessuno. Credo che il Tar riconosca la disparità di trattamento: nell'univ X si concede proroga ad un pari requisiti e nella Y no, si invita Y a reintegrare. Ma sono poco piu che illazioni non controllo l'argomento e mi affido a ciò che è noto dai giornali e nell'ambiente. Ad ogni modo, a Siena non è stato fatto, se era legge pur di risparmiare l'avrebbero fatto, mi auguro.

 

Strutturati pisani concordano nell'affermare che il loro ateneo è finanziariamente disastrato.

 

Sono anch'io strutturato pisano.

Strutturati pisani concordano nell'affermare che il loro ateneo è finanziariamente disastrato.

 

Sono anch'io strutturato pisano.

beh allora mettetevi d'accordo...

forse il suo "più o meno in regola", corrisponde ad un "siamo messi male" dei suoi colleghi di ateneo...