Titolo

C'è chi vince la Coppa del Mondo

4 commenti (espandi tutti)

parole sante!

P.S. luigi (scusa la minuscola, che per me c'e' un solo Luigi :-)) ma tu cosa sei, bipolare 1/4-3/4?

Ogni 4 volte dici cose perfettamente logiche, chiarissime, ben pensate e condivisibili. Poi le altre 3 volte spari cose dadaisto-giocose-ideologiche ...

Dipende dalle pastiglie, dalla morosa, da AAsoni, dal clima di Yale? Dal caffe? Pura curiosita', sia chiaro.

luigi e' affidabile quando si tratta di parlare/pensare/discutere di come si fa economia o come si dovrebbe farla. e sul resto che si perde: e' il rifondista dentro di lui che lo frega ;)

PS luigi, come ben sai, si fa per scherzare. in ogni caso sottoscrivo e metto in grassetto quanto hai detto sopra :)

la minuscola nello screen name è fatta apposta per essere minimalista. Poi, se mi scambi per l'altro Luigi, mica mi dispiace. Magari mi dai il beneficio del dubbio, e il rapporto diventa 1/3 - 2/3. Buttalo via... :))

In genere, se scrivo una cazzata dadaista, faccio in modo che sia chiaro che è una cazzata dadaista.  Poi, scrivo anche un sacco di cazzate pensando che siano cose serie. La funzione della lettura di NfA (ma anche di AAsoni e Rabbì e PGDepace e i twins, strettamente nell'intimità) è quella di farmici riflettere. La vita è difficile per chi si sente ideologicamente di sinistra, ma non vuole che questo si metta di traverso la comprensione della realtà su basi "scientifiche" (detto senza nessuna pomposità).  Quello che cerco sempre di evitare è di cadere nella disonestà intellettuale della gente come Brancaccio. Che questo mi faccia diventare un mostro bipolare è un side-effect che mi sembra meno  dannoso (danno psicologico strettamente personale) delle due alternative: diventare liberale come te o diventare disonesto come gli altri. 

Che questo mi faccia diventare un mostro bipolare è un side-effect che mi sembra meno  dannoso (danno psicologico strettamente personale) delle due alternative: diventare liberale come te o diventare disonesto come gli altri.

E dai, diventare liberale non e' poi cosi' terribile: e' successo a tanti di noi, e superato il primo shock fa sentire molto, molto meglio :-)