Titolo

C'è chi vince la Coppa del Mondo

3 commenti (espandi tutti)

1) Non te ne dovrebbe fregare niente che l'ha detto Stiglitz o Bisin o Brancaccio. L'affermazione "esiste una sperequazione dei redditi tra X ed Y" è un fatto, che può essere verificato. Se la tua spiegazione del fenomeno Z si basa sul fatto che ci sia sperequazione dei redditi, se questa c'è, quella parte del modello che dipende da quell'ipotesi va bene, altrimenti no. Punto.

2)  Ancora, ma che te ne frega Boldrin e Bisin come si definiscono?? Ci sono i papers, che si basano su argomenti, sia teorici che empirici. Ti convincono quegli argomenti? Perché si/no? C'è qualche errore di matematica e/o logica? C'è qualche fatto che falsfica l'argomento del paper? Queste sono le domande che ti dovresti porre.

Anche come risposta al tuo post precedente, secondo me hai talmente radicata questa visione dell'economia come fazioni contrapposte che non hai capito che io NON stavo parlando di empirics vs theory. E' ovvio che la teoria è fondamentale. Ma la teoria non è quella della teoria Juventus contro la teoria Inter, come se fossimo allo stadio. Teoria significa insieme di ipotesi che danno certe conclusioni. La validità di una spiegazione teorica non sta nel riferirsi ad una teoria precedente "di riferimento", ma appunto sta in quanto bene spiega un certo fenomeno.

 

1.1) E no, scusa. Se facessi come dici starei dietro alle sciocchezze del primo ciarlatano di turno. Se Stiglitz scrive una cosa analoga a quelli della lettera, e se tra quelli che firmano la lettera c'è gente che stimo, io allora penso che valga la pena studiarsi la cosa. Tu pensi che Stiglitz dica cazzate sui dati? io ci penserei due volte prima di dirlo.

2.2) La fai molto facile. Io francamente sono rimasto stupefatto sentendo a cosa può portare la Real business cycle theory. Se è vero quello che dice Brancaccio sulla interpretazione real business cycle del crisi del 1929 come ''libera scelta'' dei lavoratori, io trovo assurda quella teoria anche se è coerente sul piano logico matematico. Qui il tempo è poco e bisogna scegliere i modelli sui quali investire.

 

sul 2.2 ti rispondo io: Brancaccio non ha capito RBC e non ha capito nemmeno come interpretare la Great Depression usando gli strumenti di RBC. Punto. Se vuoi capire qualcosa sull'argomento, parti da questo libro.