Titolo

C'è chi vince la Coppa del Mondo

4 commenti (espandi tutti)

sarebbe interessante capire in che modo gli starebbe "facendo il culo".

 

La mia sincera opinione è che qui nessuno è in grado di fare il culo a nessun altro, dato che semplicemente le parti parlano proprio lingue diverse.

I 250 (speriamo non arrivino a 300 così si identificano pure con gli eroi di leonida) sono a loro agio con una letteratura fatta di citazioni di citazioni (di citazioni di citazioni) e frasi assertive. Il linguaggio "tecnico" che utilizzano è assolutamente incomprensibile non solo dall'uomo della strada, ma anche da chiunque abbia studiato economia. Entrare nella loro "letteratura", per smontargliela, richiederebbe tempi e costi (intesi come noia) incalcolabili. 

Ora, la cosa che mi sorprende è che Brancaccio sia uno che sembra aver studiato anche "mainstream". Ora, nel "pacchetto" che viene fornito persino nella più scrausa delle grad school (anche italiana), c'è anche quel minimo di econometria che serve non solo a capire la letteratura (non dico i deliri asintotici su Econometrica), ma anche a poter effettuare quel minimo di analisi empirica che dovrebbe essere la base per ogni discussione "scientifica" riguardante relazioni causali.

Insomma la domanda è: perché Brancaccio non ci fa una regressione per dimostrarci che il libberismo è kattivo (la vorrei proprio vedere) e che ha "causato la crisi" e invece ci tira addosso citazioni multiple che sembrano gli Adith della tradizione sunnita (Muhammad ibn Muhammad riporta che Abdul ibn Omar ibn Alì afferma che Omar ibn ..... ricorda che Maometto disse...)?

 

Piuttosto che gli Spartiati alle Termopili, che ottennero il risultato di frenare l'avanzata persiana abbastanza da permettere agli altri Greci di sconfiggere l'invasore a Maratona, penserei ai 300 di Pisacane (era trecento, eran giovani e forti ... e sono morti) ... ovviamente augurando loro lunga vita! 

Piuttosto che gli Spartiati alle Termopili, che ottennero il risultato di frenare l'avanzata persiana abbastanza da permettere agli altri Greci di sconfiggere l'invasore a Maratona

La battaglia delle Termopili è posteriore di 10 anni rispetto a quella di Maratona. I persiani, infatti, erano tornati in Grecia anche per vendicare quella sconfitta. Dopo le Termopili l'esercito persiano dilagò in quasi tutta l'Attica (fermandosi allo stretto di Corinto), conquistando Atene. La battaglia decisiva (per i Greci) fu quella di Salamina.

e gli spartani poi sterminarono quel che rimaneva dell'affamato esercito persiano di mardonio a platea :)