Titolo

In classe in 75

1 commento (espandi tutti)

E intanto le valutazioni degli esami continuano di fatto ad essere difformi nelle varie scuole, quando la loro centralizzazione sarebbe il singolo fattore di massimo impatto sistemico sui risultati dell'apprendimento, come ampiamente verificato nelle ricerche empiriche.

Sarebbe interessante avere dei riferimenti su queste ricerche empiriche.  Io comunque non userei il termine "centralizzazione" ma semmai uniformazione o meglio ancora comparabilita' certificata decentemente delle valutazioni dei diversi istituti scolastici.  Non vedo un futuro in cui da Roma si centralizzano le lezioni scolastiche e i compiti in classe, sarebbe un sistema condannato a non innovare e non sperimentare.  Mi sembra piu' realistico pensare a Scuole diverse e distribuite come ora, che possibilmente esplorano metodi e materie differenziate di insegnamento, ma in presenza di uno Stato centrale che non si limita a bonificare gli stipendi ma esercita un decente controllo del livello delle competenze acquisite e dei benefici ritornati alla societa' dalle persone istruite, anche per premiare chi fa meglio e sollecitare chi fa peggio a migliorare.