Titolo

Il privilegio logora chi non ce l’ha

1 commento (espandi tutti)

Non contesto che sia un giudice a decidere, ci mancherebbe, le obiezioni sono altre:

  1. i tempi del giudizio sono molto lunghi
  2. il costo di un reintegro è proporzionale al tempo di giudizio
  3. è quasi impossibile prevedere a priori cosa costituisca "giustificato motivo": ho portato un esempio per cui non è bastata la ripetuta flagranza di reato, non dubito che altri giudici (o altri casi, magari qualche cavillo legale gli legava le mani) abbiano metri più ragionevoli: per me un sospetto di furto potrebbe bastare per il licenziamento.

L' insieme dei 3 punti sopra ha come conseguenza per il datore di lavoro un costo alto e difficilmente stimabile.

Ed è chiaro che chiunque esterno alla vicenda (ed è necessario che lo sia per garantire equità) farà fatica ad avere un'idea precisa come i 2 coinvolti. No?

Esempio banale:l' imprenditore vede il dipendente prendere una mazzetta dalla cassaforte aziendale, ma non può provarlo.

Se il giudice ammette un caso simile come giustificato motivo tanto vale cancellare l' articolo: chi vuole liberarsi di un dipendente lo denuncia per furto e la cosa finisce li.Se non l'ammette lo costringe a riprendersi il ladro.

Sarebbe molto meglio se lasciasse all'azienda l'alternativa tra reintegro ed indennizzo.