Titolo

Il privilegio logora chi non ce l’ha

2 commenti (espandi tutti)

Se posso approfittare, aggiungo alla domanda di Nervi una mia conseguente curiosità: il mercato del lavoro è un mercato come tutti gli altri?

Da ignorante, direi che dipende dalla prospettiva.

Dal punto di vista strettamente economico direi di si, nel senso che a meno di obbligare le parti a siglare un contratto (come nelle economie comuniste, o certe assunzioni di disabili in Italia), domanda ed offerta di lavoro si incontrano secondo le stesse regole di ogni altro mercato.Quindi, ad esempio, se la legge impone un salario minimo di 1000€, alcuni posti di lavoro da 990 spariscono dal mercato.Se impone il reintegro dei licenziati scoraggia il lavoro a tempo indeterminato rispetto a quello a termine,ecc.

Se facciamo un discorso etico è un mercato molto particolare: ad esempio è discutibile se sia desiderabile o meno mantenere i posti da 990 di cui sopra.Senza nessun vincolo legale magari qualcuno accetterebbe di vendersi come schiavo (leggevo di recente che una piccola parte degli schiavi africani venduti in america eran volontari, seppur per disperazione), prospettiva che credo ripugni tutti i lettori.

Trovo tutto questo abbastanza ovvio, ma spesso sento parlare in termini etici ignorando il lato economico, e credo sia un approccio sbagliato.Meglio, va benissimo se parliamo di punizioni corporali, molto meno se parliamo di tutela dai licenziamenti.

Espongo il mio punto di vista (in linea con Marcello credo). Penso che tutti abbiamo in testa un obbiettivo comune, ma strade diverse per raggiungerlo.Nessuno vuole che ci sia schiavitù, o che una persona, in condizioni di bisogno debba cadere vittima di altri senza scrupoli. A tutti piacerebbe un sistema meritocratico dove chi è capace viene premiato. Probabilmente ci sono punti di vista differenti su chi capace o utile non è.

Secondo me il mercato deve essere lasciato libero di fare quello che è capace di fare meglio, allocare efficientemente le risorse. Il mercato del lavoro non fa differenze. Poi lo stato e/o meccanismi mutualistici  devono  intervenire per evitare gli abusi o esiti particolarmente sgradevoli. 

Quanto si lavora (part o full time, 4 o 10 ore) e per quale retribuzione e bene che lo contrattino le parti. Gli standard di sicurezza di qualsiasi posto di lavoro, deve dettarli la legge così non c'è pericolo che qualcuno accetti di lavorare in condizioni non sicure.E' bene pure che la legge stabilisca quanto al massimo un individuo sano può lavorare di seguito. Per proteggere il lavoratore da altri tipi di abuso, basta la costituzione e la legge civile e penale vigente. Per il rersto è fisiologico che un'impresa possa non aver più bisogno di un lavoratore o averne meno bisogno di prima. Il problema è come gestire la transizione, non come evitarla falsando il mercato. Possiamo prevedere meccanismi mutualistici (l'assicurazione proposta da Giulio) ammortizzatori sociali e possiamo applicare logiche diverse a diverse età (un conto è cambiare lavoro a 20 anni un altro è farlo a 50) o diversi livelli di reddito (un conto è uno che viveva con 1200 eur al mese altro e uno che  guadagnava  300k annui).

Ci sono tante strade per gestire civilmente e umanamente anche materie così delicate. Protezione di pochi e reintegro forzato non mi sembrano tra le migliori.