Titolo

Il privilegio logora chi non ce l’ha

3 commenti (espandi tutti)

Come portare questi milioni di persone su una posizione costruttiva, che riesca ad essere anti-casta ed anti-esistente senza essere "luddista" è un quesito a cui non so rispondere.

Parlarci il più possibile e rispondere punto per punto, per quanto le competenze personali lo consentano (nel mio caso: poco). Acquisire credibilità di non venduti anche mostrando di avere punti di accordo con loro sulla moralità pubblica, e facendo capire che se non nelle conclusioni si è comunque spesso realmente accomunati nelle premesse (es crescita stipendi e così via). La questione credibilità secondo me è fondamentale per portare i discorsi sul confronto aperto piuttosto che su invettive, ché una volta caduta l' autodifesa ideologica dovuta allo scontro con una persona considerata (a torto o a ragione) moralmente distante si è a metà strada, perchè si inizia a confrontarsi alla pari sulle idee.

Il suo intervento a ballarò con Castelli ad esempio è stato un ottimo inizio :-)

Il suo intervento a ballarò con Castelli ad esempio è stato un ottimo inizio :-)

Ecco, vedi - e dico a te ma parlo, pubblicamente, anche con Michele - a prescindere dal pieno accordo sulla necessità di parlare alle persone, argomentando anziché inveire, un recentissimo episodio mi pare alquanto illuminante, e purtroppo sconfortante.

Avevo segnalato - illo tempore - quella partecipazione a Ballarò ad un amica, che è persona intelligente ed acculturata, un tempo funzionario pubblico di grado elevato e da qualche anno passata ad un'attività commerciale in proprio. Ieri sera, è capitato di riparlarne. Ebbene, le mie incredule orecchie hanno dovuto ascoltare un'opinione scettica in merito a quanto detto da chi "vive fuori dall'Italia e, forse, ne dipinge un ritratto che era vero vent'anni orsono". Con l'aggiunta di un apprezzamento per la spiritosaggine di Castelli ......

Confesso di esserci rimasto molto male, giacché ero sicuro di un diverso sentire. Certo, non ci deve perder d'animo, ma non è bastato a confortarmi il successivo "se lo dici tu, ti credo", rivoltomi in risposta alle mie circostanziate ed elaborate analisi .......

E dire che ho citato quell' intervento proprio perchè una sera me ne parlò benissimo un mio amico (inaspettatamente visto che non conosce nFA, mi pare che qualcuno glielo avesse postato su facebook) con cui avevo avuto una discussione sulla privatizzazione rai (io favorevole, lui contrario...almeno al tempo). Sarà che tocca ai giovani cambiar le cose ;-)