Titolo

Scajola, D'Alema e l'etica sottile

1 commento (espandi tutti)

Ma chi? Ma cosa? Ma quando? E se Inail (o chi diavolo fosse) avesse venduto l'appartamento? Il prezzo avrebbe contabilizzato il fatto che il compratore l'avrebbe affittato a prezzi di mercato, non a equo canone. Non vendendo Inail ha perso un mucchio di soldi. Perche' non lo ha fatto? Per avere i favori di D'Alema. Favori che erano ben altro che l'assunzione dell'amica; erano (e sono) il mantenimento di un'enorme dispendio di denaro pubblico a uso e consumo della casta - una specie di grande RAI.

Guarda, te puoi anche pensare che D'Alema e' un amorale per essere (stato) un comunista, e per aver usufruito di leggi comuniste, ma l'equo canone NON era una legge per gli appartamenti di prorpieta' solo pubblica, ma era OBBLIGATORIO per tutte le locazioni (tranne per turismo). Quindi quel mucchio di soldi semplicemente non c'era per legge. O magari accusi D'Alema di essersi prodigato per tenere una legge, l'equo canone, che sapeva ingiusta e l'ha fatto solo per poi usufruirne a danno dei contribuenti? Forse e' anche vero, ma allora avrebbe sicuramente fatto meglio a instascarsi 900.000 euro cash.