Titolo

Goldman Sachs sotto accusa

3 commenti (espandi tutti)

domanda da non specialista del mondo finanziario: intendete dire che investiva 1800 dollari ogni 100 che effettivamente aveva in tasca? se sì sembra tanto una di quelle storielle da film dove gente ridotta sul lastrico gioca sui cavalli somme da capogiro pur non avendole, solo che se si perde in quel caso si viene gambizzati...

So benissimo che si pup vendere allo scoperto e compagnia andante, ma la sproporzione tra quelo che si ha al momento e che si investe è davvero.....paurosa

Si', e' proprio questa la situazione. Per ogni 100 dollari in tasca, ne venivano investiti 1800. In realta' non e' proprio come le "storielle da film", ma un po' a meta' tra quelle e un mutuo: si compra una casa con soldi che non si hanno ma si avranno - o e' ragionevole aspettarsi che si avranno - nel futuro.

Il sistema intero, con GS in testa, ha fatto un uso spropositato di questo strumento (la leva finanziaria) ed e' questa - banalizzando - la maggiore causa della crisi. Non so - e giro la domanda agli economisti - come si possa definire una quota globale di credito da concedere (tra mutui, leva finanziaria e quant'altro), ne' come si possa monitorare il livello totale di credito nei mercati - la domanda ai regolatori neanche la giro!

Beh si, certo, è come nei mutui alla fine, mi prendo un deibto che credo di poter pagare  (anche se a rate) in un tot di anni. Credo che sia un melting tra principi di economia assicurativa (sostanzialmene piu gente assicuro piu è facile che ci guadagni poichè è impossibile che tutti si facciano male lo stesso giorno e comunque quelloi piu a "rischio" gli faccio apagare premi piu alti) e la famigerata Basilea (dai miei ricordi di economia degli intermediari finanziari : equazione che pesa il credito concesso , ovvero il debito dell'impresa verso l'istituto concedente in base alla solidità dell'azienda, al paese di provenienza, e al mercato della stessa - la cara vecchia moltiplicazione di tutti i tassi di interesse "i" per i dati amcro in cui l'azienda opera; inoltre basilea intendeva anche che il coefficente non doveva superare un dato valore percentuale,ipersemplificando ovviamente) spero di non aver fatto errori voltremontiani :)

il monitoraggio sinceramente è arduo, e non mi capacito di come si possa: forse sommando tutti le esposizioni di tutti gli operatori? bah.