Titolo

Il secondo incubo del barone

2 commenti (espandi tutti)

ma se fosse realizzabile una ANVUR che decide ciò che è importante e ciò che non è importante in matematica, una ANVUR che ad esempio decidesse che ricerche di geometria algebrica siano più importanti di ricerche in geometria differenziale, che la teoria geometrica degli spazi di Banach non valga quanto la teoria delle equazioni alle derivate parziali, si realizzerebbe un danno certo alla ricerca matematica

Magari sono un inguaribile ingenuo ma la mia idea di ANVUR (o altra agenzia di valutazione) non è che decida se la geometria algebrica è molto più bella di quella differenziale ma che giudichi se tizio, che si occupa di geometria algebrica, ha dato o meno contributi significativi al suo settore e se altrettanto hanno fatto i suoi colleghi di dipartimento.

Ha ragione. Ma quasi tutti i giudizi di merito sulla ricerca corrente sono un giudizio sulla rilevanza del problema o della problematica. Ancor più quando il merito di un contributo è deciso sulla base del luogo di pubblicazione o del numero di citazioni del lavoro che si sta giudicando o di altri lavori che non c'entrano nulla (come nel caso dello IF). Se al posto di "geometria differenziale" avessi osato fare un esempio concreto avrei scritto "geometria combinatoria". Come ho cercato di dire questo non significa che non si possano fare valutazioni della ricerca corrente e non sia lecito, ad esempio, considerare in blocco le ricerche di geometria combinatoria meno rilevanti di quelle in un sottosettore internazionalmente più di moda. Sono legittimi anche i pregiudizi. Ad esempio credo che sia difficile convincermi che siano rilevanti le ricerche nell'ambito dei "fuzzy sets and fuzzy functions". E' però opportuno tenere sempre presente la fallibilità di queste valutazioni. Poi secondo me un organismo che abbia il monopolio delle valutazioni potrebbe essere pericoloso.