Titolo

Il secondo incubo del barone

2 commenti (espandi tutti)

a rischio di andare (apparentemente) fuori tema, segnalo questa chicca proveniente dalla "Libera Università Mediterranea di Casamassima" (Bari). una tesi in Economia degli intermediari finanziari di una studentessa laureatasi con 110 e lode, sul tema del signoraggio bancario..

in un italiano quanto meno incerto, vengono copiate incollate da varie fonti le più strambe scempiaggini complottiste sul signoraggio bancario sfornate negli ultimi anni dai più improbabili personaggi..

è una lettura abbastanza delirante, ma per gli stomaci forti ecco i link all'opera completa.. per gli altri un assaggio da pagina 31.. l'analisi dettagliata è fatta qui..

La Banca Centrale Europea espropria i popoli , perché con la fine degli accordi di Bretton Woods ne abbiamo avuto la prova che la moneta è diventata come un francobollo di antiquariato che ha valore per la convenzione del mercato e senza riserva . Di chi è allora la moneta ?
La moneta deve essere del popolo e non della banca centrale . La banca centrale anche dopo il 15 agosto del 1971 ha continuato a comportarsi così come se avesse ancora la riserva . Ancora oggi Duisemberg ha dichiarato , di fronte alla richiesta fatta dal ministro Tremonti , di sostituire alle monete di metallo di 1 e 2 euro i biglietti di carta , affermando che : dovete rinunciare al signoraggio - che per il piccolo taglio ha già una dimensione astronomica di 1 miliardo e 400 milioni di euro . Il signoraggio alla proprietà della moneta per gli spiccioli , cioè della moneta metallica è dei popoli e per i grandi tagli di chi è ?

da qualunque angolazione la si guardi (valore informativo del voto di laurea, incentivi del corpo docente, preparazione generale di un laureato, proliferazione degli atenei, ecc...), è uno spaccato abbastanza desolante..

 

 

A me sfugge tutt'ora il senso della tesi di laurea, o almeno della sua obbligatorieta'. Riflette un modello formativo antiquato (quando non c'era niente o c'era poco dopo la laurea) e produce queste cose.