Titolo

Certo che con un giornalismo così...

3 commenti (espandi tutti)

racconto di un simpatico siparietto sul Corriere che dimostra come i titoli della sua sezioni online sono alcune volte scritte da ex-redattori di novella2000

DSK e la cameriera, take 1, ore 7:48

DSK e la cameriera, take 2, ore 8:14

 

beh, quanto meno hanno aggiustato il tiro subito :)

(per completezza, la stampa metteva "la cameriera ha mentito" tra virgolette, repubblica non ho controllato)

 

Fra l'altro, nella confusione giornalistica che regna nei quotidiani online italiani c'è un'altra cosa che mi lascia estereffatto. Molti articoli vengono editati senza che venga fatta menzione di cosa sia stato cambiato e perché. Questo è secondo me molto grave, perché si possono fare dei resoconti palesemente sbagliati e poi correggerli senza che ne rimanga traccia (a parte nella cache di google per breve periodo). Facile essere nel giusto così: accountability vorrebbe che questo comportamento sia cambiato. Normal practice su NYT, FT, etc è indicare cosa è stato cambiato nell'articolo e perché (Slate.com arriva sino a fornire un link alla precedente versione). Ma forse sto chiedendo troppo al momento ai giornali italiani :)

Fra l'altro, nella confusione giornalistica che regna nei quotidiani online italiani c'è un'altra cosa che mi lascia estereffatto. Molti articoli vengono editati senza che venga fatta menzione di cosa sia stato cambiato e perché. Questo è secondo me molto grave, perché si possono fare dei resoconti palesemente sbagliati e poi correggerli senza che ne rimanga traccia (a parte nella cache di google per breve periodo). Facile essere nel giusto così: accountability vorrebbe che questo comportamento sia cambiato. Normal practice su NYT, FT, etc è indicare cosa è stato cambiato nell'articolo e perché (Slate.com arriva sino a fornire un link alla precedente versione).

Nei Paesi civili i mezzi di comunicazione competono per dare informazioni utili e fruibili e quindi essere scelti da lettori istruiti interessati ad avere informazioni, in Italia i mezzi di comunicazione fanno propaganda e disinformazione per gli interessi dei loro proprietari, e lettori poco istruiti e creduloni li comperano per leggere la propaganda della propria fazione.

Nei Paesi civili le leggi vengono elaborate ed applicate con l'obiettivo del bene comune, in Italia le leggi vengono elaborate per il vantaggio di chi legifera e poi vengono applicate ai nemici e interpretate per gli amici. Sono tutti aspetti coerenti della cultura italiana che si compenetrano e tengono insieme l'uno con  l'altro...

mi piacerebbe poterti ribattere che non è così, ma so che non sarebbe vero... :)

tuttavia sono convinto che tutto è endogeno nella società (anche se per alcune cose su orizzonti temporali abbastanza lunghi, vedi la tua diatriba con michele e giovanni riguardo al capitale sociale) quindi nel mio piccolo continuo a cercare di spingere la gente attorno a me per richiedere un'informazione migliore, uno stato migliore etc..

poi ogni tanto leggo i commenti dei lettori del fattoquotidiano o del corriere, li paragono ai commenti del nytimes, e mi cadono un po' le braccia: la mancanza di domanda per un'informazione seria ed un'analisi logica delle cose è impressionante...