Titolo

Certo che con un giornalismo così...

1 commento (espandi tutti)

Grazie, Mario. Quello che avevo in mente quando parlavo di estrapolazione dal passato vs. uso di modelli, e' proprio questo: quando si verificano eventi inusuali ( a frequenza piu' bassa di quella ciclica), o dei mutamenti "strutturali", le estrapolazioni dal passato ci azzeccano poco.

La nota tecnica dell'OCSE che avevo riportato nell'articolo, a p.3 contiene un grafico che confronta l'andamento del loro indice con quello dell'attivita' economica nell'area OCSE. A parte il fatto che non si sa quale sia la misura utilizzata per descrivere il livello di attivita' economica, e a parte il fatto che la figura si riferisce all'insieme delle economie OCSE e non a singoli paesi, una cosa salta subito all'occhio: il superindice sembra precedere abbastanza regolarmente (a occhio) i turning points dell'attivita' economica (ovvero, le inversioni di tendenza), ma non l'ampiezza di queste oscillazioni: basta guardare gli anni 91-92, e i picchi del 1994, 1998, 2000 e 2004 per esempio.

Questo vuol dire (di nuovo, molto a spanne) che del superindice possono essere utili i punti dove la derivata prima cambia segno, ma non l'ampiezza delle sue variazioni in un dato periodo di tempo - proprio quello che invece strombazzavano i giornali, confrontando il 10.8 italiano con la variazione dell'indice in altri paesi.

Tutto questo a occhio e a spanne, quando ho piu' tempo guardo delle analisi piu' rigorose.