Titolo

Il meridione o i meridionali

2 commenti (espandi tutti)

Io lavoro abitualmente comunicando in inglese, ma le conoscenze acquisite a scuola sono state minime (se ricordo bene 2-3 ore alla settimana privatamente nei tre anni delle medie e ultimi delle elementari e basta). 

Io ho fatto 2/3 ore la settimana alle medie e i primi anni di superiori, ed alla fine ero in grado di conversare, con tutti gli strafalcioni del caso, anche se molti miei compagni non erano in grado di fare altrettanto.Credo che il problema fosse più nella qualità e durata dell' insegnamento (insegnanti discreti, ma ambiente terribile alle medie) che nel non insegnamento diuna terza lingua.

Quello che conta e' la pratica sia orale che scritta per il lavoro: in quel modo ho imparato una lingua che la scuola ha solo abbozzato. 

Credo sia inevitabilmente così per tutti.

Sono convinto da esperienza personale e dagli studi che conosco che la strada migliore per imparare bene nuove lingue non e' limitarsi all'italiano (ed eventualmente ad italiano ed inglese) ma coltivare piu' lingue.

Se il tuo obiettivo è il poliglottismo sono d'accordo, se vuoi migliorare l' inglese meno.

La mia esperienza è che il vero stimolo a migliorare le competenze linguistiche è la TV.

In Belgio tutti studiano due lingue a scuola, ma mentre i fiamminghi parlano un francese (mi pare) passabile ed un' ottimo inglese, i valloni parlano inglese poco meglio degli italiani ed hanno solo qualche rudimento di olandese.Invece gli olandesi monolingui parlano inglese come i fiamminghi.

Il motivo è semplice: la lingua è (era?) troppo poco diffusa per sostenere un' industria del doppiaggio, per cui nelle fiandre (ed in olanda) il grosso degli spettacoli sono in inglese o in francese con sottotitoli olandesi (a volte addirittura olandese con sottotitoli olandesi, che certi dialetti li capiscono solo i locali).Negli anni l' effetto è equivalente alla pratica.In Vallonia è tutto doppiato in francese.

Il motivo è semplice: la lingua è (era?) troppo poco diffusa per sostenere un' industria del doppiaggio, per cui nelle fiandre (ed in olanda) il grosso degli spettacoli sono in inglese o in francese con sottotitoli olandesi (a volte addirittura olandese con sottotitoli olandesi, che certi dialetti li capiscono solo i locali).Negli anni l' effetto è equivalente alla pratica.In Vallonia è tutto doppiato in francese.

Quindi se l'importanza dell'italiano venisse de-enfatizzata, per esempio istituendo bilinguismo ufficiale ovunque desiderato, ci sarebbero meno film doppiati in italiano, maggiore poliglottismo, e migliore conoscenza dell'inglese.  L'uso delle lingue locali comporta il duplice vantaggio di rendere gli scolari piu' versatili sia linguisticamente sia in generale, sia il vantaggio di de-enfatizzare l'italiano rendendo piu' semplice l'acquisizione di una buona conoscenza dell'inglese. Scommetto che se andiamo a verificare sul campo, sanno l'inglese meglio gli altoatesini ripetto ai toscani e agli italiani in genere.