Titolo

Il meridione o i meridionali

1 commento (espandi tutti)

Caro Alberto

la tua risposta conferma tutti i miei timori. Proviamo ad immaginarci lo scenario. Il parlamento approva il 3 gennaio 2011 una legge che eleva i dialetti al ragno di "lingua" locale. A questo punto

Caro Giovanni

probabilmente conoscendo gli italiani potrebbe essere sensato evitare di proporre delle complicazioni, come osservi.  Concordo.  Tuttavia non riesco a sopportare le obiezioni strumentali che vengono fatte contro le lingue locali e credo che la mia indole mi portera' sempre a replicare in maniera acida.

Faccio altre poche osservazioni veloci.  Se mai venissero istituzionalizzate le lingue locali, sarebbe utile mantenere l'italiano come lingua franca: dopotutto lo comprende l'86% dei residenti (dati di TDM di alcuni anni fa). Questo risolverebbe molte delle tue obiezioni.  Se poi l'imposizione dell'italiano e' strumentale primariamente al fine di negare autonomia anche fiscale ad alcune Regioni, allora ritengo  nociva l'imposizione dell'Italiano e ritengo preferibile l'adozione delle lingue locali anche in presenza di costi temporanei aggiuntivi.

i) l'argomento retorico "ci sono paesi dove il biliguismo funziona" è fallace. Si portebbe sostenere che funzionano nonostante il biliguismo - e che la Catalogna sarebbe molto più sviluppata se tutti parlassero castigliano.

Nelle scienze umane e' quasi impossibile dimostrare qualunque tesi. Al minimo quello che mi sento di difendere e' che non osservo in giro per il mondo l'esistenza di alcun handicap comune ai Paesi bilingui rispetto a quelli monolingui.  Anzi la mia impressione personale concorda con gli studi che ho citato nel percepire i monolingui come meno versatili, meno tolleranti, peggiori conoscitori dell'inglese, eccetera.

ii) l'idea che l'essenza della democrazia sia la prevalenza delle opinioni della maggioranza è, a dir poco parziale. Probabilmente falsa. La maggioranza ha diritto di governare ma non di ledere i diritti delle minoranze. Imporre ad una minoranza di usare la lingua della maggioranza è sbagliato sia che la lingua della minoranza sia il tedesco sia che sia l'italiano.

Concordo che la prevalenza della maggioranza non sia sempre ottimale ma plagiando qualcosa di gia' detto non vedo sistemi migliori a disposizione. Considerati i limiti della democrazia, mi sembra opportuno delegare in maggior numero di materie possibili, incluse le lingue locali, alle comunita' locali piuttosto che allo Stato centrale.