Titolo

Il meridione o i meridionali

3 commenti (espandi tutti)

Purtroppo la Lega non mira a far dimagrire lo stato, ma a trattenere in loco e per se una fetta più consistente delle risorse statali.

La LN opera a mio parere in maniera positiva sia se cerca di ridurre lo Stato sia se cerca di trattenere in loco una fetta maggiore delle risorse in tutte quelle regioni che sono finanziatrici nette.  Questa azione risponde sia a criteri di giustizia sia a criteri di utilita', e dovrebbe essere seguita da tutti i partiti.

La lega raccoglie molti voti tra chi è stufo di "Roma ladrona",ma ha deciso da tempo di rappresentare soprattutto gli interessi di quei settentrionali che vogliono vivere di rendite pubbliche come molti fanno a sud.  Banalmente, vorrebbero si licenziare 20000 (ok, 19000) forestali in Calabria, ma per assumerli a Varese.La vicenda Alitalia/Malpensa è li a dimostrarlo.

C'e' una differenza molto grande tra la rendita pubblica degli operai forestali calabresi e i dipendenti di Malpensa, che sono dipendenti di una societa' privata posseduta dagli enti locali che opera in prima approssimazione secondo criteri di mercato e da tempo ormai non gode assolutamente di alcuna rendita legata alla presenza della linea aerea nazionale.

In ogni caso anche per assurdo licenziare 16000 forestali calabresi su 20000 e assumere 16000 forestali nuovi di zecca in Lombardia risponderebbe solo ad un banale principio di equita' sulla base del numero degli abitanti o del territorio. Non ci vedrei nulla di male.  Certo si puo' fare di meglio e licenziare 19500 forestali calabresi tenendo solo i 2000 che gia lavorano in Lombardia. Perche' Fini, Berlusconi, Di Pietro o Franceschini non lo propongono??? Scommetto avrebbero anche i voti della LN. Non sara' che le politiche di questi signori elencati sono ancora peggiori e piu' inique di quelle della LN?

Purtroppo la Lega non mira a far dimagrire lo stato, ma a trattenere in loco e per se una fetta più consistente delle risorse statali.

La LN opera a mio parere in maniera positiva sia se cerca di ridurre lo Stato sia se cerca di trattenere in loco una fetta maggiore delle risorse in tutte quelle regioni che sono finanziatrici nette.  Questa azione risponde sia a criteri di giustizia sia a criteri di utilita', e dovrebbe essere seguita da tutti i partiti.

Concordo, ma è proprio voler vedere il bicchiere mezzo pieno.

La lega raccoglie molti voti tra chi è stufo di "Roma ladrona",ma ha deciso da tempo di rappresentare soprattutto gli interessi di quei settentrionali che vogliono vivere di rendite pubbliche come molti fanno a sud.  Banalmente, vorrebbero si licenziare 20000 (ok, 19000) forestali in Calabria, ma per assumerli a Varese.La vicenda Alitalia/Malpensa è li a dimostrarlo.

C'e' una differenza molto grande tra la rendita pubblica degli operai forestali calabresi e i dipendenti di Malpensa, che sono dipendenti di una societa' privata posseduta dagli enti locali che opera in prima approssimazione secondo criteri di mercato e da tempo ormai non gode assolutamente di alcuna rendita legata alla presenza della linea aerea nazionale.

La differenza c'è:bene o male la SEA a qualcosa serve, ma i criteri di mercato mi sfuggono: è una municipalizzata cui son state assegnati in gestione dei beni pubblici per motivi politici.

Le rendite le han perse perchè quelli di Cai gli han tirato un bidone: passata la festa, gabbato lo santo.Il che a sua volta è successo perchè invece di chiedere la messa all'asta degli slot han chiesto la creazione di un mostriciattolo di cui potessero controllare una fetta.

In ogni caso anche per assurdo licenziare 16000 forestali calabresi su 20000 e assumere 16000 forestali nuovi di zecca in Lombardia risponderebbe solo ad un banale principio di equita' sulla base del numero degli abitanti o del territorio.

Certo, è come dire : se pago uno per fare nulla meglio mio cugino che uno sconosciuto 1000 km più a sud.Mi cambia molto poco, ma in meglio.Non lo contesto, ma ti chiedo: è questo l' obiettivo del federalismo? Sostituire Roma ladrona con Varese ladro di polli? Farci tartassare per mantenere un' orda di fancazzisti lombardi anzichè calabresi?Per un' obiettivo simile non farei neppure lo sforzo di camminare dino al seggio di fronte a casa mia.

Certo, è come dire : se pago uno per fare nulla meglio mio cugino che uno sconosciuto 1000 km più a sud.Mi cambia molto poco, ma in meglio.Non lo contesto, ma ti chiedo: è questo l' obiettivo del federalismo? Sostituire Roma ladrona con Varese ladro di polli? Farci tartassare per mantenere un' orda di fancazzisti lombardi anzichè calabresi?Per un' obiettivo simile non farei neppure lo sforzo di camminare dino al seggio di fronte a casa mia.

Ovviamente l'obiettivo del federalismo e' disarticolare le rendite, gli iper-stipendi della Casta legata al potere centrale a Roma, inclusi i corazzieri di Napolitano e i barbieri del Parlamento che prendono 15mila euro al mese e vanno in pensione a 50 anni mantenendo lo stipendio agganciato a quello dei colleghi.

Queste rendite della Casta centrale sono solo possibili con la scusa del prestigio della Nazione e con il pretesto dell'aiuto fraterno ai cugini poveri distanti 1000 km (che rimangono ahime sempre piu' poveri, mentre perfino Spagna, Grecia e Portogallo, per non parlare dell'Irlanda, diventano sempre piu' ricchi).

Piu' i cugini da aiutare sono vicini, e piu' anche l'obnubilato e poco alfabetizzato parco buoi elettorale italiano ha la possibilita' di contestare gli sprechi, gli iper-stipendi, la corruzione che vede sempre piu' sottocasa. Se il pretesto e' aiutare il cugino di Varese che si puo' controllare facilmente vive allo stesso livello del cugino di Bergamo, regge molto molto meno che il pretesto di aiutare il cugino della valle dell'Aspromonte distante 1000 km che nessuno ha mai visto e ci sono magari dubbi che non esista piu' e ci sia al suo posto solo un lontano parente che surettiziamente ritira la sua pensione.