Titolo

Pensioni: Repubblica dà i numeri OECD

6 commenti (espandi tutti)

Mi pare di capire che almeno al centro e al sud sia in realta' molto bassa con lo stravagante effetto di non riuscire comunque ad attirare investimenti (malavita organizzata a parte).

Premesso che non sono particolarmente d'accordo sul fatto che l'evasione riduca la pressione fiscale, comunque questa tua affermazione non mi è chiara (purtroppo non funziona l'opzione blockquote per le citazioni, per cui quella sopra sarebbe l'affermazione a cui faccio riferimento). Perchè la pressione fiscale dovrebbe essere più bassa al centro e al sud? E soprattutto perchè questo avrebbe lo "stravangante" effetto di allontanare gli investimenti in queste zone? Sinceramente non capisco..

Perchè la pressione fiscale dovrebbe essere più bassa al centro e al sud?

Perche' da quello che ho capito dai post precedenti al centro e al sud c'e' piu' evasione fiscale che al nord.

perchè questo avrebbe lo "stravangante" effetto di allontanare gli investimenti in queste zone?

 

Normalmente la bassa pressione fiscale e' un incentivo per gli investimenti che vengono cosi' maggiormente remunerati. Da qui la stravaganza.

La pressione fiscale e' al netto dell'evasione. Lo Stato raccoglie circa il 43% del PIL, e questa e' la pressione fiscale. Se e' vero che le tasse sono pagate piu' al nord che al sud, allora e' anche vero che li' la pressione fiscale e' piu' alta.

perchè questo avrebbe lo "stravangante" effetto di allontanare gli investimenti in queste zone?

Normalmente la bassa pressione fiscale e' un incentivo per gli investimenti che vengono cosi' maggiormente remunerati. Da qui la stravaganza.

Se BMW apre uno stabilimento in Campania paga le stesse tasse che pagherebbe a Milano, a meno che decida di evadere, taroccare i bilanci della filiale italiana, fare i doppi salti mortali per certificare il bilancio corporate e tripli per farlo stare nella Sarbanes-Oxley se hanno una filiale americana.Col rischio di dover pagare un multone megagalattico se li beccano dopo 3 anni di attività.Bottom line: per le aziende serie quel genere di paradiso fiscale non è attraente.

Probabilmente il cartello di medellin si trova più a suo agio nell' economia informale ed investe al sud.Magari entrando pro quota nel business dei casalesi.Non che mi faccia molto piacere attrarre quel genere di investimento....

Infatti è quello che penso io! Ceteris Paribus la tassazione è uguale per tutti.

Sul legame ipotetico del tipo "cartello di Medellin-investimenti al sud" a cui fa riferimento, mi permetto di dire che avrebbe maggiore convenienza nei piccoli business, di cui il sud è florido (in particolare in Campania, mia seconda regione). Conosco situazioni dove i prezzi dei prodotti venduti al dettaglio sono così bassi perchè agevolati dalla quasi totale assenza di pagamento di IVA a monte, oltre alla non consegna delle ricevute al momento della vendita dei beni (ma questa forse è una questione marginale). Ciò effettivamente sarebbe in linea con gli interessi della camorra che, non dimentichiamo, ricicla gran parte del denaro in business di grande entità (tra cui anche società quotate...). Perciò sarebbe un bel giro di interessi non indifferente che coinvolge sud, centro e nord...e anche estero....

Ovviamente quella parte del post era ironica. Volevo semplicemente sottolineare il fatto che non c'e' neppure un effetto collaterale positivo dell'alto livello di evasione. Sull'esempio della BMW sono d'accordo con te. Peraltro molte aziende "serie" compiono azioni ben piu' gravi del semplice taroccamento dei bilanci e dell'evasione fiscale: vedi ad esempio il comportamento delle compagnie petrolifere (con la collaborazione di un governo corrotto) nel delta del Niger, il caso italiano della Thyssen-Krupp, piu' indietro nel tempo la Union Carbide in India, ecc.