Titolo

Abbiamo ciò che meritiamo

1 commento (espandi tutti)

L'economia è economia, è matematica, non è filosofia, tantomeno religione.

Insomma, l'economia è un po' più complessa...dovrebbe indagare il comportamento dell'uomo, della società, qualcosa di reale e in continua evoluzione.

Nota 19, http://it.wikipedia.org/wiki/Economia_politica

Alessandro Roncaglia (Lineamenti di economia politica, Laterza, Roma-Bari, 2005, pp. 12-14) ricorda le differenze tra scienze sociali e scienze naturali e sottolinea che l'economista studia una realtà in continuo mutamento di cui egli stesso è parte; non può quindi né semplicemente basarsi sulle teorie elaborate in passato, né pretendere di essere neutrale; «non c'è nulla di male in questo; basta saperlo e non nascondersi dietro un dito».

La non neutralità non impone all'economista l'azione politica ma egli non ha teoremi da scoprire, bensì lo scenario di una polis immersa nel tempo passato, presente e futuro da investigare.

La matematica sapevo si basasse su assiomi la cui realitas non è condizione necessaria e che in termini di dinamismo direi un po' soffrono.

La matematica, indispensabile strumento dell'economista, non è nemmeno sufficiente a caratterizzare come scienza la disciplina economica: ambizione a cui tende solo nei suoi pochi contributi sperimentali.

In merito all'auspicio del signore famoso che un po' estemporaneamente hai tirato in ballo, mi pare che oltre ad essere palesemente leggittimo, nella sua scontatezza mi sembra difficilmente attaccabile. Proprio tale scontatezza mi sembra l'elemento interessante: l'autoreferenzialità dell'economista impone una critica tanto basilare? probabilmente sì.

Il libero mercato stà proprio nella facoltà del Cliente di ricercare il prodotto al prezzo migliore...e del venditore che lo vende al prezzo che ritiene necessario a coprire i suoi costi...

Le facoltà del venditore e del Cliente, dove il primo è sicuramente figlio di un Dio minore, a fronte della 'C' capitale del secondo, rappresentano forse un assioma del comportamento sociale o semplicemente raccontano le gesta di un mythos che nasce e muore nell'epico mondo dell'accademia economica?