Titolo

Le tasse dei banchieri di AIG

5 commenti (espandi tutti)

Vediamo, faccio due conti.

Spiegarti le cose, banalotte, che chiedi mi costerebbe circa tre ore di tempo (non per scriverle, ma per trovare le parole adeguate a farle capire ad uno che pensa che il TARP non possa influenzare il conto economico ...). La mia tariffa oraria per consulenze è quella che è ma, visto che siamo in un blog ti faccio uno sconto: $ 2mila all'ora. Appena ricevo l'assegno per la somma appropriata, mi ci dedico. Per uno come te, $6mila dovrebbero essere bruscolini. Invia pure all'indirizzo dell'università, grazie.

In alternativa, prova a chiedere ad uno dei tuoi ex professori. Magari risparmi.

grazie Prof.

ora capisco la portata del suo livore verso le banalita'

(anche se, economicamente rilevanti a seconda di chi le spiega e/o ci lavora :-)

ma in fondo, semplificando (per poveri mortali che ignorano), tutte le manovre (a carico dei tax payer) che si sono diffuse (decise) nel mondo per non far fallire il sistema bancario/finanziario

serve solo (se ci riescono) a rimettere in moto ... l'accesso al credito (dei singoli, famiglie, artigiani, piccole e medie imprese, etc ...) gestito "privatisticamente" dai banchieri ?

 la domanda banale e' (spero in una risposta non del Prof.  che costa troppo :-) : se il costo del denaro e' ormai praticamente a zero (se lo vendono le banche centrali), perchè se devo comprare una casetta con un mutuo devo pagare per i prossimi 20/30 anni (con i miei interessi) la rinascita (gli stipendi e i bonus) di un sistema bancario/finanziario che ha "distrutto" i risparmi  di milioni di persone ?

... altro che bonus tagliato con le tasse (visto che il salvataggio è pagato dai tax payer ) ciò che è successo non solo a Londra è solo l'inizio della manifestazione di un fortissimo disagio/rancore che sarà arduo limitare con provvedimenti palliativi di propaganda punitiva ... eat the rich

 

Poiché faccio "price discrimination", la tariffa (scontata) di 2000 all'ora è solo per il signor Giulio ... Devo aver sbagliato prezzo, non mi è mai arrivato l'assegno! Amen, un'altra consulenza a a WS bruciata, sono proprio un disastro.

Se riuscissi a capire la tua domanda, proverei anche a rispondere. Ma non la capisco. Il costo del denaro non è a zero per tutti. Lo è solo per le banche (alcune) ed in alcune circostanze. Il costo del risparmio, poi, non è caduto per nulla anzi è forse salito. Ma, se mi spieghi meglio il dubbio, proviamo a ragionarci.

Per quanto riguarda "eat the rich", ti consiglio la lettura della versione di Eat the Rich che preferisco. Molto più interessante, ed anche divertente.

Il costo del denaro non è a zero per tutti. Lo è solo per le banche (alcune) ed in alcune circostanze.

e' proprio questo il nocciolo della domanda,

perche' il costo del denaro e', "in questa fase", zero per alcune banche (quali?) e solo in alcune circostanze (quali ?), mentre costa "interessi" per gli stati (debito pubblico) e i singoli cittadini, imprese, etc... ?

- in questo articolo (La Bce taglia i tassi E la banca dimentica di ridurli alle aziende) quello che mi incuriosisce è che il "semplice passaggio" di moneta fa fare profitto al produttore e al trasformatore -

mi perdoni il  paragone sacrilego (e la relativa banalizzazione), ma e' come se avessimo a che fare con un produttore di materia prima (la moneta). Il produtore (banca centrale) vende con "price discrimination" (:-) alle imprese di trasformazione (banche commerciali e quindi finanziarie) che ne fanno un servizio (deposito, gestione, prestiti, vendita, tarocchi & assicurazioni, etc ...).

Tutto ciò ha a che fare con il concetto di sovranità monetaria e quindi di proprietà dei soldi. Gli stati, come i cittadini, le imprese, per investire, costruire, mantenere, comprare, etc ..., devono indebitarsi.

Il nuovo ordine mondiale echeggiato al G20 sarà la riproposizione (con nuove/vecchie regole) di un modello (gerarchia) sociale basato sul debito pagato con i risparmi e tasse di chi lavora (singoli ed imprese) ?

L'enorme lavoro cognitivo dell'esercito di

economisti/fisici/matematici/MBA/ingegneri

, etc... impegnato sulla moneta ha prodotto ricchezza infinita (rispetto ai minimi livelli richiesti per la sussistenza dei 4/5 della popolazzione mondiale) che sembra svanita nel nulla (anzi, occorrono miliardi e miliardi di dollari, euro, etc ... per salvare le strutture bancarie/finanziarie ovvero i padroni dell'esercito cognitivo). Lo stesso impegno (lavoro) svolto su energia e medicina (solo come esempio) cosa avrebbe  prodotto in termini di vera ricchezza ? ...

 

Per riassumere, chi è o chi dovrebbe essere il proprietario della moneta (visto che è stato abolito, da tempo, il suo controvalore in oro e che quindi non esiste (?) una accumulazione di vero, oggettivo ed immutabile valore della ricchezza ? Tanta carta e tanti bit ... questa è la ricchezza del terzo millennio ?

 

 

 

Mi sa che devi abbassare le tariffe, caro Michele. Questo era quanto si facevano pagare pre-Lehman quei grandi luminari dell'accademia (???) per dire quattro banalita' ai summer programs delle banche d'affari a Wall Street.

Inoltre sara' molto divertente vedere alla fine di quest'anno di quanto si saranno ridotte le donazioni dei bancari di Wall Street alle universita' americane... quei soldi non facevano schifo, no?

Perche' facevano (o fanno) schifo ai luminari dell'accademia i soldi delle tuition degli undergrad e graduate student delle business schools? Mi sono fatto quattro conti facili facili: alla New York University la business school contribuisce al 14% delle tuition totali con l'8% degli studenti... Forse anche per questo i professori di economia e finanza vengono pagati di piu'?

Mala tempora currunt per molti... non solo per i bancari