Titolo

Le tasse dei banchieri di AIG

2 commenti (espandi tutti)

TU COSA PROPONI? COSA SUGGERISCI DI FARE?

L'ho gia' detto: lasciale fallire, cosi' questi executives perdono il posto e - si spera - un flusso di redditi e bonus futuri. Sui bonus passati, amenocche' non si riesca ad intervenire in sede giudiziaria, non credo si debba fare nulla. Altrimenti si scivola verso la repubblica delle banane.

In corporate law si chiama Business Judgment Rule, cioe’ il management non e’ responsabile delle cappellate che fa, anche le piu’ macroscopiche a meno che gli azionisti non dimostrino l’intento di deufradare. Difficile, anzi impossibile. Quindi gli azionisti possono solo vendere quando gli altri vendono e comprare quando gli altri comprano. Pero’ non vendono per punire il management, vendono per una regola euristica, una ignoranza totale, fanno quello che fanno gli altri azionisti. Quindi niente tribunali o giustizia, perche’ i manager sono apposto.

Allora un hostile takeover da parte di qualche concorrente straniero? Manco a parlarne. Dalla fine degli anni ottanta, la maggior parte degli stati hanno degli anti takeover statutes, per non alienare quelli che chiedono di incorporarsi nello stato, per non perdere quindi posti di lavoro e tasse. Quindi nessun vendicatore che caccia il management inefficiente. Eppoi nel sistema bancario i takeover ostili non sono mai stati popolari neanche prima. In ogni caso, gli stati hanno dato il loro contributo.

Banana o Delaware Republic?

In somma per cambiare il management vi e’ solo una via praticabile, il regulator deve mostrare ai manager la porta.

La tassazione del bonus e’ politicamente appropriata, ma inutile. Forse e’ anche ingiusto, ma e’ molto piu’ ingiusto essere licenziati per colpa del top management che per colpa propria.

Vuoi vedere fallire le banche per cacciare i manager? Do you love the smell of napalm in the morning?