Titolo

Università di serie A e di serie B?

1 commento (espandi tutti)

Mah. Io mi riferivo al tuo commento:

La proposta in realtà mi pare mossa essenzialmente dalla mal accettazione che finalmente il numero di studenti che studiano all'Università sia aumentato, avvicinadoci, pur ancora in difetto, alle medie dei paesi avanzati.

E poi anche:

Per questi motivi, ritendo la proposta piuttosto inutile e velatamente (ma neanche poi tanto) di restaurazione. In realtà la soluzione è semplice e sottomano: la difficoltà e la selezione dovrebbe semplicemnte essere applicata sui 3 livelli di istruzione Universitaria:

Cioè, mi sembrava di capire che tu sostenessi la sostanziale inutilità di fare "corsi avanzati" separati per persone brillanti, ma che il percorso 3+2 opportunamente interpretato fosse già previsto per essere sufficientemente selettivo. Probabilmente ho male interpretato il tuo commento, e me ne scuso.

Io invece ho argomentato che chi si limita a seguire il 3+2 così com'è ha comunque una carenza di materie di base, che ad esempio non mancava al vecchio ingegnere. Io ho studiato nel percorso a 5 anni, e insegno nel 3+2, mi sembra di essere in grado di valutare entrambi i percorsi. Sostengo nel mio commento che il vecchio percorso sembrava più adeguato a formare ricercatori: e che non tutti possono fare i ricercatori, mentre ci sarebbe molto bisogno di semplici ingegneri. Il nuovo percorso forma bene semplici ingegneri, ma forse non è poi così adeguato a formare ricercatori.

Per questo sostengo, come l'autore del post, che un numero limitato di persone nelle maggiori Università italiane possano essere maggiormente sostenute, sia economicamente, sia dal punto di vista della formazione fornendogli delle nozioni aggiuntive accanto alla normale formazione 3+2.

Inoltre, collaboro da un paio di anni con docenti e ricercatori di Trento, e crediamo così tanto in questa cosa che forse l'anno prossimo faremo una proposta didattica congiunta "di serie A" limitata a un numero molto ridotto di studenti brillanti.

Con queste premesse, rispondo brevemente alla tua ultima frase:

Ma non confondiamo i campi di applicazione. Chi progetta una casa non è chiamato a deddare le norme europee di costruzione, ne un avvocato civilista a riscrivere la Costituzione. Allora bisogna solo ottimizzare le risorse/uomo ed evitare di far studiare per 10 anni (senza stipendio) persone, che necessitano di 5 anni (reali) di formazione.

Quelli che vogliono fare ricerca al MIT studieranno secondo programmi e modi che sono indispensabili per l'eccellenza: ma che percentuale della popolazione vi può aspirare?

Concordo pienamente con la prima parte. La risposta alla seconda domanda è: sicuramente una percentuale con almeno uno zero dopo la virgola.