Titolo

I derivati venesiani

5 commenti (espandi tutti)

Mi a non capiso gnente de finansa ... spiegheme voialtri perche' no vedo dove xe el problema. Meio che a continua in 'talian

Non mi sembra che il comune si sia avventurato in sub-prime mortgages e derivati esotici. Ha comprato interest rate swaps, che servono a trasferire il rischio di cambio. Aveva delle obbligazioni a tasso variabile e voleva assicurarsi da fluttuazioni dei tassi. A questo servono gli IRS. Chiaramente, la cosa costa, si paga per non assumersi il rischio della variabilita' dei tassi. Non possiamo nemmeno dire che non vi sia trasparenza, visto che leggiamo tutto online.

Secondo, le "perdite" calcolate per legge e riportate nell'articolo, sono perdite calcolate usando mark-to-market. Mica sono perdite effettive, nessuna delle controparti ha deciso di vendere il contratto; una perdita secondo mtm, non e' neanche tanto strana, visto che gli interessi sono ormai a zero. A questo e' servito lo swap, ad assicurarsi contro variazioni del tasso... ora vogliamo criticarli perche' dovevano tenersi i tassi variabili?

 

Caro Arlechin, che belo che semo tuti qua ... manca solo la Colombina, la sarà a far i mestieri dal sior Pantalon!

Parlo anca mi in 'talian, che la finansa moderna no la zé pì là de Rialto dei nostri tempi ...

Mi scuso ho scritto di fretta e quindi male, non sono un esperto. Non volevo dire che tutti e 4 i derivati in questione sembrano ingiustificati: su due di essi si può discutere, mentre altri due mi sembrano francamente solo delle scuse per pagare commissioni ed interessi a delle intraprendenti banche. Vado per ordine.

1) Gli swaps sul Rialto (pagina 4) e sul Città di Venezia (pagina 6) non si possono giudicare. Magari son stati un affare, magari no. Non vi è informazione sufficiente perché non sappiamo la commissione pagata all'inizio né lo spread. In altre parole, quanto è costato comprarsi i collarini? Non solo, com'è che il Comune di Venezia prima accende un prestito a tasso variabile e quattro mesi dopo è lì che si compra il collare (caso del Città di Venezia)? Cosa sono, una banca d'investimenti? Sul Rialto non saprei dirti, perché ci informano solo che è stato "rimodulato" il giorno prima dell'acquisizione del collare ...

2) L'amortising swap sui prestiti Canaletto e Fenice (pagina 5) sembra ingiustificabile. Il Comune di Venezia magari non è il Tesoro degli Stati Uniti, ma non capisco perché abbia bisogno di comprare da Merrill la garanzia della propria solvibilità e perché debba usare Merrill per ammortizzare un proprio debito. Davvero il Comune non poteva costruirsi da solo il fondo in questione, guadagnando gli interessi sul capitale accumulato (che ora vanno a Merrill) e, soprattutto, risparmiandosi le commissioni? Mi sembra un contratto inutile, perché non vedo dove fosse il rischio che il Comune fronteggiava.

3) Lo swap con Merrill Lynch sui vari mutui della CDDPP (pagina 6) è pura speculazione sui tassi, che un Comune potrebbe evitarsi a meno che non abbia ragioni davvero superiori.

Insomma, due contratti su quattro sono chiaramente inutili per le finanze comunali, quindi dannosi perché costosi. Gli altri due non possiamo dire, perché manca l'informazione per giudicare (la trasparenza, insomma, arriva sino ad un certo punto). Fa comunque storcere il naso che un comune debba mettersi a giocare con gli swaps 4 mesi dopo aver acceso un prestito a lungo. Cos''è successo di tanto drammatico nel frattempo?

Inoltre, NON è vero che si sono protetti dai rischi dei tassi variabili, hanno fatto un po' qui ed un po' là. Ed anche questo sembra assurdo, visto che il comune non è una banca di investimenti che specula e cambia di strategie a seconda di come cambia il vento. Se a te sembra che si siano solo assicurati, caro Arlechin, allora megio che ti no te me asicuri mai a mi ...

Infine, se non usi il MtM per valutare come va uno swap, cosa usi? Se aspetti il periodo finale, lo swap non vale niente. I guadagni e le perdite si fanno nel corso del tempo ed il MtM è la maniera migliore per valutare che guadagni/perdite si stanno facendo e, soprattutto, che guadagni/perdite il mercato ritiene si faranno nei prossimi mesi.

Arlechin e Brighella

se se 'ancora ciapai da sti derivati venesiani, fra na setimana trovarè na puntata nova de sta storia sul sito comunal (ao stesso posto dove gavè trovà quea de altro ano).

Dopo se sentiremo e comentaremo, se gavè ancora vogia.

 

Charlie

 

Grasie Carleto, grasie tante.

'ndaremo a dar na ociada ...

Ciò Brighea, ti gà visto che xè venuo fora el novo raporto che ti trovi a:

http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/37405

Par mi el Canaeto saria da serar. No capiso proprio cosa che'l serva, ma go invexe paura de aver capio cosa che risciemo se seo tenimo.

E par ti?

Go anca eto sui giornai venexiani de sti giorni che el novo Sindaco gà pensà ben de farghe causa a ste banche foreste che ne gà venduo sto Canaeto. Chisà se el sarà bon de far tornar indrio qualche scheeto a sto povero Comune venexian, che ghe ne gà proprio bisogno...

fame saver cosa che ti pensi.