Titolo

Vorrei solo fosse falso (il contenuto della notizia)

1 commento (espandi tutti)

parresia

palma 29/10/2008 - 06:57

Forse per dove vivo, ma quando questo gruppetto di individui (la seconda casta di sacerdoti della superstizione, su scala planetaria) parla di parresia, mi viene la "pelle d'oca".

Questi hanno sostenuto seriamente, di fronte a milioni di persone, che non si debbano usare i preservativi, fosse pure tra persone adulte, eterosessuali, non inclini alla fellatio, metteteci tutte le qualifiche che vi pare. Questo è accaduto in tre paesi (dove Hiv è probabilmente tra il 19 e il 26 per cento della popolazione, quella ancora in vita intendo.)

E questi gruppi di terroristi sessuali vanno a dire alla gente di non ascoltare il parere di TUTTA la comunità medica (inclusi tutti i sangoma a sud di DRC, per la cronaca, non solo le signore e signori in camice bianco) ma di seguire la "legge naturale", che evidentemente fu a loro rivelata dallo spirito (non nel senso alcolico, ma nel senso di "santò) al concilio, precedemente citato.

MA MI FACCIA IL PIACERE (principe De Curtis)

Si noti che il loro capo in testa è una persona indagata per pedofilia, che è sfuggito alla giustizia, come con il "lodo", acclamando la sua condizione di capo di stato.

Tralascio ogni commento (per la cronaca, sì mi stanno sui cosidetti i preti di tutte le religioni, con rarissime occasioni per far eccezione, quindi sono colpevole di anticlericalismo, nella terminologia di questo gruppo di signori con la gonna che emette lezioni e decreti, scioglie il sangue, benedice non so bene chi, und so weiter)

Mi scuso per l'irruzione.

Sull'università, a modesto avviso del sottoscritto, la cosa migliore da fare è nulla. L'interesse è condiviso nel finger di agitarsi. Dietro la finzione sta la tradizionale visione di un potere familiare, che estende il tutto a figli, nipoti, amanti e così via. Ha nulla a che fare con la sinistra e la destra. Una sezione molto consistente di universitari fa nulla, ma va in televisione, scrive sul giornale e partecipa all'isola dei deficienti (penso venderò il concetto alla RAI ben presto.) Essi dovrebbero venir eliminati, il che è impossibile, essendo sia essi stessi un potere enorme, che un fenomeno di ricatto ai vari ceti politici che si succedono.

Una possibilità secondaria è semplicemente usare metodi repressivi ("cattedre pulite") e scardinare il sistema dall'esterno, non riformandolo ma solamente eliminando un personale corrotto. Se un gruppo di magistati decide, può persino esser fatto.

Mentre guardo le mie scimmie alla finestra, auguro a tutti un'ottima giornata.