Titolo

Horror Economics (I)

2 commenti (espandi tutti)

La tua definizione di "errore" sembra la seguente: affermazione tecnicamente corretta, le cui implicazioni io [Mr or Ms pasdaq] non gradisco. Quindi protesto.

Contento te, contenti tutti. Anche perché, poi, affermi cose che ho già detto, a iosa, altrove e che derivano dalle mie affermazioni che consideri "erronee", ossia

Nella realtà, le banche centrali immettono liquidità in soccorso delle
banche in difficoltà, facendo impennare l'inflazione. Vuol dire che, i
danni, li paghiamo tutti noi.

Se Banca Intesa fallisce perché ha sbagliato investimenti in derivati (cosa che nella realtà non sembra essere il caso, ma è esempio tuo) vuol dire che BI è uno speculatore stupido, quindi è bene che fallisca. Lo "speculatore" che ci guadagna non solo sa fare il proprio lavoro, quindi è uno speculatore intelligente, ma probabilmente è un'altra banca. Quindi, mi dispiace, la ricchezza netta del sistema bancario non varia a causa della perdita di BI sul derivato. Varia per la perdita di valore del sottostante. Che poi uno sia affezionato a BI e consideri gli altri dei meri "speculatori", mi sembra una questione di gusti. Ed i gusti, come le opinioni, meglio lasciarli fuori dalla porta quando si discute di questioni finanziarie.

Olte a ciò, faccio notare che ad una perdita del sottostante del 10%
può corrispendere una perdita (innescata da un relativo prodotto
derivato) del 100% e oltre.

Certamente, il valore della perdita sul derivato può essere un ordine di grandezza maggiore della variazione nel valore del sottostante o dei soldi inizialmente investiti nel derivato medesimo! Ma, DI NUOVO, è un fatto che se io guadagno 100 con un'opzione che mi è costata 10, quello che mi ha venduto il diritto di opzione li perde quei 100. La somma è di nuovo ZERO, piacciano o non piacciano le conseguenze logiche di questo FATTO.

... Lo "speculatore" che ci guadagna non solo sa fare il proprio lavoro,
quindi è uno speculatore intelligente, ma probabilmente è un'altra
banca. Quindi, mi dispiace, la ricchezza netta del sistema bancario non
varia a causa della perdita di BI sul derivato. Varia per la perdita di
valore del sottostante. ...

Sono tendenzialmente a favore del fallimento degli speculatori stupidi.

La
cosa cambia un pochino ne momento in cui, a causa delle banche, si
ritrovano falliti aziende e famiglie che a loro hanno affidato i propri
risparmi.

La cosa cambia totalmente nel momento in cui, per evitare il fallimento di una banca, interviene una banca centrale a distribuire liquidità a tutti per tappare la falla di qualcuno. Così, tramite dinamiche inflattive, la falla di qualcuno la paghiamo tutti.

A questo punto il gioco non è più a somma zero!

Certamente, il valore della perdita sul derivato può essere un ordine
di grandezza maggiore della variazione nel valore del sottostante o dei
soldi inizialmente investiti nel derivato medesimo! Ma, DI NUOVO, è un
fatto che se io guadagno 100 con un'opzione che mi è costata 10, quello
che mi ha venduto il diritto di opzione li perde quei 100. La somma è
di nuovo ZERO, piacciano o non piacciano le conseguenze logiche di
questo FATTO.

 Ma se io perdo 100, e sono una banca, e rischio il fallimento, se interviene la BCE e mi "presta" 100 per tornare a speculare, allora il gioco non è più a somma zero!

Prima abbiamo 100+100, poi abbiamo 100 (io, la somma prestatami dalla BCE) + 200 (lo speculatore vincente, 100 di prima + 100 vinti a me nella speculazione).

E questi sono FATTI che stanno accadendo con particolare frequenza da agosto 2007 ad oggi.

Giovanni