Titolo

Horror Economics (I)

3 commenti (espandi tutti)

è anche vero (giusto per fare il bastian contrario) che l'unica banca fin'ora insolvente non aveva conduit/SIV fuori bilancio ma solo una "raccolta" eccessivamente sbilanciata sull'interbancario. Intendo: andrebbe valutato quanto i SIV fossero inseriti una strategia coerente di asset & liabilities matching; che capacità hanno le banche di rifinanziarsi (non male se si guarda a soc gen o anche al takeover di BoA su Countrywide). Inoltre: "e percio' diminuira' il valore di mercato di tali obbligazioni -- anche
se assolutamente nulla e' cambiato nella solvibilita' di chi le aveva
emesse (p.es., amministrazioni locali)": se nulla cambia nella solvibilità di chi le ha emesse ma il valore di mercato cala, siamo tutti invitati a farci un pasto gratis, almeno finché qualcun altro non se ne accorge.

Giusto per fare un po' anche il pessimista, leggevo che la geografia della recessione è molto poco uniforme, ma che la debolezza del mercato immobiliare rischia di indebolire l'espansione delle aree in crescita, che non riuscirebbero ad attrarre gente dalle aree in crisi (dove è difficile vendere la casa): incide davvero questa cosa?

che capacità hanno le banche di rifinanziarsi (non male se si guarda a
soc gen o anche al takeover di BoA su Countrywide).

In questa ricapitalizzazione e' interessante il ruolo che stanno giocando i cosiddetti "Sovereign Wealth Funds", che gestiscono le immani riserve valutarie di paesi con elevati surplus commerciali in Asia e Medio Oriente. Forse, in questo modo, questi paesi riusciranno a recuperare qualcuno dei crediti che hanno verso i loro clienti nei paesi ad alto deficit come gli Stati Uniti, ottenendo beni reali come partecipazioni in istituzioni finanziarie anziche' semplici cambiali chiamate "Treasuries"... Sinora, l'accumulazione di crescenti riserve stava procedendo come una "folie à deux" tra le due parti - o meglio, a un consapevole gioco delle parti nello spirito del Sonetto 138 di Shakespeare ("on both sides thus is simple truth suppressed"). La cosa antipatica di questa soluzione e', purtroppo, il ruolo di preminenza che essa da' ai governi nazionali, anziche' ai loro cittadini.

Inoltre: "e percio'
diminuira' il valore di mercato di tali obbligazioni -- anche
se assolutamente nulla e' cambiato nella solvibilita' di chi le aveva
emesse (p.es., amministrazioni locali)": se nulla cambia nella
solvibilità di chi le ha emesse ma il valore di mercato cala, siamo
tutti invitati a farci un pasto gratis, almeno finché qualcun altro non
se ne accorge.

Il valore scende perche' scende il rating non di chi le aveva emesse, ma di chi le aveva assicurate (elevandolo cosi' a quello proprio, che era triplo-A). Se ora quest'ultimo crolla, e' come se il fideiussore di un prestito diventasse improvvisamente ancor meno affidabile del debitore originale, vanificando il proprio contributo...

Sì, sul pasto gratis ho detto una stronzata :)