Titolo

Horror Economics (I)

1 commento (espandi tutti)

Almeno che il succo di questa prima parte non sia attaccare queste poche righe: " [...] Thus, it does not describe a very low probability event but rather an outcome that is quite possible.

E ti par poco? Mica è necessario ripeterlo ad ogni riga che si ritiene questo lo scenario probabile, basta dirlo all'inizio! Anche in questo caso, poi, beata ambiguità: cosa vuol dire "quite possible"? Mah ..

Non mi sembra di "attaccare", semplicemente io riporto i dati e faccio delle stime esplicite su ciò che è, al momento, maggiormente probabile. NR, come tutti i profeti di sventura dalla notte dei tempi in poi, descrive la visione  dell'apocalisse che ha ricevuto per vie imperscrutabili. Tutto lì.

Per quanto riguarda poi Krugman, la cosa più interessante sono i grafici riportati nel sito di Tabarrok e la discussione lì contenuta. Una sola osservazione: il fatto che i prezzi delle case scendano lentamente (rispetto alla velocità con cui scendono i prezzi delle azioni nel mercato azionario) è dovuto al fatto che segnalo nel mio post (che ad ogni momento nel tempo solo una piccola percentuale dello stock è in vendita), il che rende meno probabili le super-catastrofi.