Titolo

Economisti: che Style!

4 commenti (espandi tutti)

L'ultima frase di Artemio è una vera esagerazione. Io non ho MAI visto nulla di concordato prima nè nelle tesi di laurea nè nei pochi concorsi in cui sono stato commissario. E non credo di essere l'unico, anzi. 

Non sono un'esperto, ma per la mia esperienza personale la realtà non è molto diversa, almeno fino alla laurea.

Tanto per me che per i miei compagni di corso, la regola era che il voto fosse uguale alla media in centesimi approssimata per eccesso più il voto della tesi, che era pressochè predeterminato dal tipo di tesi (es: tesina da 6 mesi 4 punti, da un anno 6, sperimentale 8, ecc.).

Una tesi mal realizzata spesso non raggiunge il risultato standard, una eccezionale magari strappa un paio di punti in più, ma sono eventi rari, e di regola la valutazione la fa solo il docente che l'ha commissionata (solo una parte ha un controrelatore, e spesso viene coinvolto pochi giorni prima dell' esame).Sinceramente non vedo nulla di così tremendo nel sistema, ma quasi un'anno prima di laurearmi sapevo che voto avrei preso.

Sul voto posso anche essere d'accordo. Se hai tutti e solo 30, credo che il 110 non te lo tolga nessuno. Ma la lode? Se non erro, per ottenere la lode TUTTI i commissari di laurea devono essere d'accordo....quindi la sicurezza in quel caso è un po' difficile da ottenere, a meno che non te l'abbia "garantita" il relatore.

Forse ho esagerato con la cattiveria, ma solo per quel che riguarda gli studenti che hanno la media dei voti alta/altissima. E in ogni caso, la lode non te la potrebbero garantire, in teoria. Comunque, mi sono trovato spesso in commissione di laurea (a fare, come si dice, il convitato di pietra: non posso ancora dare le tesi, ma posso essere sfruttato come tappabuchi), e ne ho viste tante... Diciamo che la laurea è il momento in cui puoi venire per la prima volta a contatto con il clima, il sistema e la mentalità dell'accademia italiana. Non è una certezza, ma può capitare (sospetto che nelle facoltà scientifiche le cose vadano un po' meglio che in quelle umanistiche).