Titolo

Il liberismo non è di sinistra.

2 commenti (espandi tutti)

Volentieri, grazie, la mia mail è nel profilo. Ancora all'oscuro di cosa ne pensi Merton, io credo che una banca che faccia intermediazione (raccolta a vista, prestito a lunga) mantenga comunque qualche criticità gestionale in più e qualche necessità di vigilanza in più rispetto a un fondo che ha il solo e unico obiettivo di massimizzare il valore delle sue quote, dovendo invece garantire in ogni istante il rimborso dei depositi. Anche se il mercato permette di negoziare di tutto e di più. Forse l'unico soggetto che secondo me può avvicinarsi alla banca è il fondo pensione, ma è già una forzatura. Poi che qualche principio contenuto nella regolamentazione bancaria, magari su quanto capitale di "vigilanza" mantenere per fronteggiare i rischi e rimborsare i depositanti/possessori di quote, faccia bene anche ai fondi è sicuramente vero (e presumo che già li osservino per conto loro), ma imporli anche a un fondo hedge quando questi sono una forma di "soft-law" (tipo Basilea II) anche per le banche vere, mi sembra eccessivo. Comunque, aldilà di LTCM, W il "povero" Merton (anzi, W Fisher Black, che non ha fatto neanche in tempo a prendersi il nobel e che complessivamente aveva fatto anche di meglio, imho).

N.B.2 Riguardo a quanto scritto da Filippo più sopra, l'idea per cui
l'innovazione finanziaria ridurrà il confine tra attività bancaria e di
investimento ovviamente non è mia, ma del Premio Nobel Robert Merton
(lo scrivo io prima che lo facciano i sadici Prof che scrivono qui: sì,
proprio il Robert Merton che con LTCM perse un paio di centinaia di
milioni di dollari!). Se interessa posso rimediare qualche articolo.

Un punto che a me sembra assolutamente essenziale al concetto di "banca", e che manca a un hedge fund, e' la sua doppia natura di "deposit taker" (a scadenze anche brevi) e di "lender". Le modalita' di questa attivita' influenzano il moltiplicatore della massa monetaria, e rappresentano una delle ragioni principali che rendono desiderabile la regolamentazione del settore da parte di una banca centrale.