Titolo

La spazzatura cresce ...

1 commento (espandi tutti)

Grazie per l'esauriente spiegazione sul come si calcolano i tassi di crescita, ma, non c'era bisogno di scomodare gli integrali.

In uno dei miei precedenti post ho descritto il trascinamento e, implicitamente, fornito la metodologia di calcolo del PIL annuale. Per avere il valore del PIL in un anno devi sommare i livelli di ogni singolo trimestre (e non i tassi di crescita). confrontando tale somma con quella dell'anno precedente ottieni la crescita annuale.

nel 2006 la crescita in Italia è stata di 1.9%. Concordi su questo?

il livello di PIL in milioni di euro nel 2006 è stato pari a 1.255.848 (vedi http://www.istat.it/dati/catalogo/20070523_00/dati.html) (controlla la tavola A.1.2 se non ti fidi). mentre il livello del IV trimestre 2006 è stato 317.890 (vedi  http://www.istat.it/salastampa/comunicati/in_calendario/stimapil/20070515_01/testointegrale.pdf ) 

mi sono andato a rifare i calcoletti.

Dato il profilo di crescita trimestale da te ipotizzato per il 2007, pari a 2007qI=0.2% (acquisito) e 2007qII+2007qIII+2007qIV=1% (mi sono permesso di dividere la crescita in 0.3333% a trimestre), la crescita annuale per il 2007 in Italia dovrebbe essere di 2.0%, addirittura superiore alla crescita del 2006 (+1.9%) e simile a quella prevista da Padoa-Schioppa nella Relazione Unificata che tu hai commentato nel tuo post intitolato "Padoa-schioppa economics". Comunque un bel risultato per il governo, non trovi?   

quanto al secondo punto, i.e., entrate fiscali superiori agli effetti del ciclo,  mi va poco di ripetere quello che ho scritto nei post precedenti. Comunque... tu correttamente dici che le entrate dipendono dal ciclo. in primo luogo, non tutte le entrate dipendono dal ciclo economico..per esempio quelle per la vendita di sigarette sono indipendenti, o no?

in secondo luogo, in uno dei miei precedenti post io ho quantificato in 1.17 l'elasticità delle entrate totali rispetto al ciclo economico. Se non lo hai letto ho anche scritto che questo parametro è il risultato della metodologia messa a punto dall'OECD e utilizzata dalla Commissione Europea. i dettagli li trovi in questo paper (che cito per la seconda volta) (Girouard and André (2005), "Measuring cyclically-adjusted budget balances for OECD countries", Economics Department Working Paper No.434"). 

te la faccio breve perche già mi sono stancato. questo piccolo numeretto non me lo sono inventato io. è il una media delle singole elasticità delle entrate influenzate dal ciclo economico ( ossia quelle da redditi per persone fisiche, assets, contributi sociali e consumi) ponderata per il peso di ciascuna componente rispetto al totale delle entrate nei passati 10 anni. Ogni elasticità è derivata come  prodotto del proprio tax code (o aliquota) ripetto alla rispettiva base imponibile e di quest'ultima rispetto alla variabile di riferimento (GDP, consumi, profitti, etc etc).

Nella misurazione dell'elasticità dei tax code delle entrate tributarie (IRE) viene preso in considerazione:1) il  grado di progressività del sistema tributario; 2)l'aliquota media; 3) l'aliquota marginale; 4) la distribuzione del reddito.

L'elasticità apparente delle entrate totali è data dalla crescita delle entrate 2006 rispetto al 2005 (+9.9%) diviso la crescita nominale del PIL (3.5%) ossia 2.7. (dati che erano riportati anche nei miei precedenti post)

La cosa più semplice che si puo fare a questo punto è confrontare 1.17 con 2.7. ti renderai conto che c'è una larga parte delle entrate 2006 che non è spiegata dal ciclo e nemmeno da misure one-off. Da cosa dipende allora?  dico solamente che se questi risultati continuano nel tempo (come sembrerebbe), si potrebbe trattare di un cambiamento delle attitudini dei contribuenti.

Riguardo all'anonimato poi, non seguiro' il buon esempio dato da Nicola...noto che ci sono altri commentatori che non riportano le proprie generalità o usano pseudonimi (vedi Phastidio). Il mio non è anonimato ma solo "non conoscenza" da parte degli amministratori di questo blog. non mi sembra che mi mamchi il coraggio di argomentare e discutere e non mi sembra di rimestare per il manico...

se i miei argomenti vi danno fastidio, semplicemente non rispondete. 

Saluti

Marco