Titolo

Come ricapitalizzare Ferrovie e Alitalia

5 commenti (espandi tutti)

mi chiedevo, è vero che le aziende di Stato italiane falliscono ogni 5 anni (non solo perchè pubbliche ma anche perchè amministrate da chi non potrebbe gestire neanche la mille lire) ma il fatto che ora stiano fallendo tutte in sincrono (le Ferrovie, l'Alitalia, le università che non riescono a pagare i bidelli) può avere a che fare con il fatto che al governo adesso c'è chi è più pronto ad allentare i cordoni della borsa o pura sfiga (o memoria corta del sottoscritto)?

Credo che anche i trucchi contabili di Tremonti, che allocava gli stessi fondi a più di un utilizzo (es. cantieri Anas e Ferrovie), c'entrino qualcosa.

Qual-cosa: cosa?

Ossia, quale parte della cinquantennale fallimentare gestione di Ferrovie ed Alitalia e' dovuta ai trucchi contabili di Tremonti, ed a quali di essi?

fausto non ti arrabbiare ma mi pare irrilevante alla domanda che ho posto (alla quale per il resto nessuno ha risposto/dato un'opinione)

Figurati se mi arrabbio. La tua domanda è: un governo di centrosinistra ha tendenzialmente un softer budget constraint di uno di destra (almeno in Italia)? Le crisi simultanee di Anas, ferrovie, Alitalia possono essere indizi a favore della tua tesi. Ma è una tesi difficile da provare. Io ho proposto una tesi alternativa (ma non ne sono del tutto convinto neanche io), cioè che la scorsa legislatura il governo abbia incoraggiato politiche di investimento (cantieri per le autostrade, alta velocità, rinnovamento parco carrozze, ecc.) - per attuare il piano delle grandi opere del governo Berlusconi- senza garantire i finanziamenti necessari (direttamente o indirettamente, come facendo aumentare le tariffe di Trenitalia). La tua tesi è indubbiamente più interessante della mia, però non saprei dire se è quella che spiega meglio i fatti.