Titolo

Il perché della scuola: il classico e oltre

2 commenti (espandi tutti)

ci sono modelli, per ora solo a livello di studio in think tank, che ipotizzano che in una determinata giurisdizione ci possano essere servizi pubblici in competizione tra loro. Per esempio scuole dell'obbligo che offrano percorsi scolastici differenziati (materie e orari), che i genitori possono scegliere sulle basi delle loro conoscenze (su come è il bambino, sulle sue attitudini). E questo si amplia anche a servizi di trasporto, rimozione rifiuti ed ogni gestione pubblica. 
Quello della scuola mi sembra decisamente interessante. 

Free e charter schools (UK, Svezia, USA e altrove) sono scuole pubbliche (finanziate da Stato o Enti locali) relativamente autonome e in competizione fra loro. Una proposta in questo senso per l'Italia è quella di Andrea Ichino e Guido Tabellini, qui una sintesi: https://www.orizzontescuola.it/scuole-concorrenza-loro-valutazione-fai-te-senza-concorsi-e-abilitazioni-aspettando-ministro-il/