Titolo

Propaganda pentastellata: come ti asfalto un video sovranista sul debito

1 commento (espandi tutti)

L'ambiguita' deriva dalla diversa frase condizionale.

Il testo che citi dice che si paga il piu' basso fra i prezzi "offerti dai partecipanti rimasti aggiudicatari". Gli altri non aggiudicatari (esclusi dall'assegnazione) offrivano prezzi piu' bassi ancora. Questi, gli aggiudicatari, son tali che le loro combinazioni P&Q permettono l'allocazione completa del debito in emissione. 

Nel testo dell'articolo sta scritto invece che si paga il "prezzo [...] più alto necessario a garantire il collocamento di tutta l'emissione, dove prezzo alto = tasso d'interesse più basso possibile per lo stato)". Se si scegliesse un prezzo piu' alto ancora NON sarebbe possibile collocare tutta l'emissione perche' non ci sarebbero abbastanza compratori.

D'altro canto, se ci pensi, e' ovvio che sia cosi'. Perche' il prezzo piu' basso a cui collocare OGNI QUANTITA' di debito e' facile da scoprire anche senza asta: zero. Se lo stato vuole vendermi a un prezzo uguale a zero il suo obbligo di pagarmi 100 fra 10 anni e 3 ogni anno intermedio, come interesse, io compro una infinita' di queste emissioni :)