Titolo

Quota 102, Quota 39 e 62

4 commenti (espandi tutti)

Parole, parole

amadeus 17/5/2018 - 10:12

Bei discorsi, belle parole. Soluzioni zero.

Con i bei discorsi non si compra il pane. Così è la vita, mi spiace per lei. Non è una frase fatta: tutti gli organismi viventi, per vivere, devono avere un bilancio energetico positivo (l'energia utilizzata per procacciarsi le sostanze che servono per il loro sostentamento deve essere necessariamente non inferiore a quella che tale sostentamento produce). Si chiama equilibrio di bilancio.

L'energia spesa deve essere non superiore a quella prodotta, o sbaglio? :-)

Giusto

amadeus 17/5/2018 - 17:11

Hai ragione (la fretta...). Il concetto è quello. In realtà puoi avere uno sbilancio negativo per un periodo limitato (se usi quello che hai accumulato in passato...).

Sono contento che lei li consideri bei discorsi, belle parole. Vuol dire che qualcosa c'è. Non sono d'accordo su 'soluzioni zero', perché qualcosa c'è, anche se lei non le considera tali.

Avrei anche dell'altro, almeno come proposte, ma non l'ho scritto anche perché non mi sembra che ogni commento debba contenere soluzioni, almeno a leggerli tutti.

Non mi pare di aver contestato l'equilibrio di bilancio, che è stato messo perfino in Costituzione all'art.81 secondo me senza senso, perché è una misura talmente di buon senso che non ce n'era bisogno.

Anzi ho proprio sostenuto che l'INPS dovrebbe rispettare il pareggio di bilancio tra contributi che incassa e pensioni che paga, e non pagarci altre cose che andrebbero a carico dell'Erario, per non fare un minestrone unico.

Anche lo Stato dovrebbe rispettare il pareggio del suo bilancio, pure assumendo a suo carico le altre spese di natura assistenziale che l'INPS gestisce.

E invece c'è chi vuole 'un appropriato ricorso al deficit', come hanno scritto nel 'contratto' i forse futuri governanti.

So pure che c'è chi pensa che 'con la cultura non si mangia'.

Vista la correzione cancello il resto, anche se il parallelo mi sfuggiva prima e mi sfugge ancor più ora: con l'inversione dei termini della disequazione il concetto come fa a restare quello; ma non ha importanza.